T.V.B. Famiglia, il progetto della Provincia per conciliare Lavoro e Famiglia

La presentazione giovedì nell'ambito del Piano di azione territoriale Conciliazione Famiglia - Lavoro promosso da Asl MB

Una famiglia

Giovedì la Provincia di Monza e Brianza ha presentato nell'ambito nell’ambito del Piano di azione territoriale Conciliazione Famiglia – Lavoro promosso da Asl MB, il progetto T.V.B FAMIGLIA.

Si tratta di un'iniziativa che punta a offrire sempre più strumenti e servizi in Brianza per migliorare ed accrescere l’offerta per la conciliazione dei tempi Lavoro Famiglia grazie al coinvolgimento di partner pubblici e privati.

Il pacchetto di azioni sul tema Famiglia, lavoro, cura degli anziani, welfare aziendale e salute che partiranno in via sperimentale a novembre fa parte di un progetto, di durata biennale e finanziato da Asl MB con un contributo di 45.000 euro.

Il gruppo di lavoro della Provincia di Monza e Brianza, capofila nell'iniziativa, vede la partecipazione di 18 soggetti tra cui Afol MB, Formaper – Azienda Speciale della CCIAA di Milano, i Comuni di Biassono, Sovico, Seveso, Ronco Briantino, Arcore, Muggiò e l’Ambito territoriale di Carate Brianza, Consigliera di parità provinciale, CGIL Monza e Brianza CISL Monza e Brianza Lecco, Confindustria MB, Assolombarda, diverse Onlus e associazioni culturali.

“TVB è un progetto nuovo e molto articolato, che facciamo partire in via sperimentale – spiega il Presidente della Provincia MB Gigi Ponti – Favorire la conciliazione dei tempi famiglia - lavoro può significare promuovere una forma di welfare inedita, in grado di coinvolgere imprese etiche sociali che lavorano con disabili ed ex-detenuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In concreto, grazie ai servizi promossi dal piano di collaborazione che coinvolge cooperative sociali impegnate nell’inserimento dei disabili o degli ex–detenuti nel mercato del lavoro i lavoratori/cittadini potranno rivolgersi a queste e usufruire di una prima gratuità, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento