Desio, il sindaco cambia le deleghe agli assessori: "È un nuovo modello organizzativo"

Il primo cittadino ha sottolineato che "non è un rimpasto di giunta"

Roberto Corti

"Non è un rimpasto. È un nuovo modello organizzativo". Così il sindaco Roberto Corti che nella mattinata di martedì 30 ottobre ha firmato i decreti di nomina degli assessori e di attribuzione delle deleghe.

"A metà mandato la macchina aveva bisogno di un tagliando. È normale dopo che si sono percorsi tanti chilometri. Le condizioni 'esterne' cambiano e noi dobbiamo adattarci — spiega il sindaco —. Per questo abbiamo deciso di adottare un’organizzazione di Giunta 'piatta', per obiettivi e processi: su ogni materia gli assessori avranno una responsabilità completa. Ciò ci consentirà, nei prossimi due anni e mezzo, di essere ancora più concreti e di rispettare il nostro impegno con i desiani". 

La novità principale riguarda l’assessore Jennifer Moro che avrà il coordinamento dei lavori pubblici. Le altre deleghe dell’ex assessore Emanuela Rocco andranno a Giovanni Borgonovo (Parchi), Stefano Bruno Guidotti (Tutela ambientale e verde urbano), Giorgio Gerosa (Cittadella dello sport e edilizia scolastica) e Cristina Redi (Villa Tittoni e Parco storico). Gli altri cambi di deleghe riguardano ancora gli assessori Giorgio Gerosa con la Partecipazione, Paola Buonvicino con Risorse umane e Sviluppo organizzativo e Cristina Redi con le Politiche dell’Infanzia.

"Stiamo lavorando per individuare il nuovo assessore — spiega Roberto Corti —. A giorni chiuderemo il cerchio. A questo punto la nuova squadra sarà al completo e riprenderemo a lavorare con ancora più entusiasmo, determinazione e convinzione per portare a termine il nostro programma elettorale, cioè il 'patto' con i cittadini 'firmato' il 19 giugno 2016". 

Queste, in dettaglio, le nuove deleghe: Cristina Redi, vicesindaco e assessore a Cultura, Politiche giovanili e per l’infanzia (Cultura, Biblioteca, Politiche per l’Infanzia, Villa Tittoni e Parco storico, Politiche e protagonismo giovanili, Scuola Civica di Musica, Multiculturalità); Jennifer Moro, assessore alla Gestione delle risorse e Controllo del territorio (Bilancio, Tributi, Protezione civile, Polizia Locale, Coordinamento Lavori Pubblici, Sistemi Informativi ICT e-Government, Programmazione e Controllo); Giovanni Dario Borgonovo, assessore alle Politiche di governo del territorio (Urbanistica, Pianificazione territoriale e parchi, Infrastrutture: Pedemontana e Metrotranvia, Edilizia Privata e Catasto, Mobilità, viabilità e attuazione PGTU, Riqualificazione spazio pubblico e arredo urbano); Stefano Bruno Guidotti, assessore alle Politiche per la casa, Ambiente, Igiene urbana, Servizi cimiteriali (Servizi cimiteriali, Azienda municipalizzata - GSD, Ecologia e Tutela ambientale, Verde urbano, Rifiuti e Igiene urbana, Gestione e manutenzione SAP, SAS e Politiche per la casa, Economato e provveditorato, Servizi demografici, Benessere animale); Paola Buonvicino, assessore ai Servizi alla persona e alla famiglia (Politiche sociali, Piano di Zona, Consorzio Desio Brianza – CoDeBri, Risorse umane e Sviluppo organizzativo, Servizio legale, Pari opportunità); Giorgio Gerosa all’assessore all’Istruzione dell’obbligo, Sport, Comunicazione, Partecipazione e Rapporti con i quartieri (Partecipazione, Rapporti con i quartieri, Politiche scolastiche, formative e scuole, Urp, Ufficio stampa e comunicazione, Promozione sportiva e cittadella dello sport, Eventi, tempo libero e turismo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento