Auditorium, case e Spa: così l’ex Scotti rinasce (con l’ex sindaco)

All'alba di venerdì, dopo dieci ore di consiglio comunale, è stato approvato il piano di riqualificazione dell'ex Feltrificio Scotti: sarà sostituito da un Auditorium, una Spa e un complesso residenziale. Vince, quindi, il progetto dell'ex sindaco Michele Faglia

Addio all'ex feltrificio Scotti

Il degrado - questa è l’unica cosa certa, o forse - non ci sarà più. Ma, sempre forse, non ci saranno parcheggi per le auto di chi accorrerà alle future serate di gala; non ci saranno cittadini ad abitare le nuove case che nasceranno. E, forse e ancora forse, resterà nei cittadini - al di là del colore politico - la sensazione, sgradevole, che “ognuno faccia costruire i suoi”. 

Ci sono volute dieci ore di consiglio comunale, con una volata arrivata fino all’alba di venerdì, per approvare il piano integrato di intervento - Pii - per la riqualificazione dell’area che ospitava l’ex Feltrificio Scotti. Sono bastati pochi minuti, invece, per scatenare le polemiche dell’opposizione, centrodestra e liste civiche, per nulla contenta della decisione dell’amministrazione guidata da Roberto Scanagatti. 

Ma il Comune ha deciso: l’area - così si legge in una delibera in merito dello scorso novembre - “che occupa una superficie di 15.964 mq. ed è compresa tra viale Battisti a Sud, il complesso della Chiesa del Carmelo in lato Ovest, via Scarlatti a Nord e via Donizetti a Est” sarà riqualificata secondo il progetto presentato a palazzo Trento e Trieste da fondazione De Ponti, proprietaria del sito, e dagli architetti Michele e Bernardo Faglia.  

Là dove c’era la Scotti, nasceranno quindi - si legge ancora nella vecchia delibera, praticamente identica a quella approvata - “un nuovo quartiere polifunzionale, nuovi servizi ed aree pubbliche, nonché spazi residenziali e commerciali; una nuova via di attraversamento ciclopedonale; aree a verde pubblico; nuovi parcheggi in superficie su via Scarlatti e via Battisti, e posti auto al piano interrato a servizio delle residenze e delle attività commerciali; una scuola di musica; un nuovo Auditorium pubblico di quattrocento posti e spazi di servizio annessi”. 

Tradotto, e semplificato: nascerà un nuovo quartiere con novanta appartamenti, negozi, una pista ciclabile, un parco verde, una scuola di musica, un Auditorium da quattrocento posti e dei parcheggi. 

O, forse, dei parcheggi. Perché a ben guardare, già a novembre scorso, il Pii presentava una lacuna, non da poco. “Lo studio - si legge - si è occupato della dotazione di aree di sosta. Minima presenza di auto in superficie per 24 posti e la quasi totalità al piano interrato: 140 posti auto privati relativi agli edifici residenziali, 64 posti auto di pertinenza la servizio delle funzioni commerciale/terziaria e 4 posti auto pubblici al servizio della funzione pubblica”. 

Come dire: il futuro Auditorium - dalla capienza preventivata di quattrocento persone - avrà quattro posti auto a disposizione, o - così parlava lo stesso architetto Bernardo Faglia sempre a novembre scorso in Comune - il “parcheggio della Chiesa del Carmelo, che può essere una soluzione poiché l’amministrazione desidera l’Auditorium”.

Un’Auditorium senza parcheggio, quindi. Almeno sulla carta. Ma non è tutto. Perché il progetto ha un costo - 5.098.000,00 di € per l’esattezza - che in parte peseranno sulle casse del Comune. 

Se i promotori del progetto - fondazione De Ponti, proprietaria dell’area, e lo studio di architetti Faglia - spenderanno poco più di quattro milioni di euro - a fronte di un mancato versamento al Comune di oltre tre milioni di euro di "oneri di urbanizzazione" -, a piazza Trento e Trieste saranno costretti a sborsare 932.000,00 € per gli arredi di un Auditorium che nessun cittadino ha chiesto, scelto o votato. 

Ma ancora non è tutto. I problemi non sono solo la differenza di vedute tra destra e sinistra, l’utilità o meno di un Auditorium da quattrocento posti in una città che fa fatica a tenere in piedi “Binario 7”, o l’assenza di un parcheggio. No. Il “problema” - nulla di illegale, si intende - è che Michele Faglia a Monza non è un nome qualsiasi. 

L’architetto Faglia è l’uomo che dal 2002 al 2007 ha guidato la città al capo di una giunta di centrosinistra. Il tutto, naturalmente, prima di tornare a fare il suo lavoro da architetto: ruolo nel quale ha presentato il progetto per la riqualificazione dell’ex Scotti. E ruolo nel quale tra giovedì notte e venerdì mattina ha parlato in Comune. 

Tutto concesso. Tutto in regola. Ma, ancora forse, semplicemente poco opportuno, come fa notare il consigliere di minoranza Paolo Piffer, che aveva provato - naturalmente senza riuscirci - a spostare parte dei soldi che saranno spesi per la riqualificazione, in progetti di edilizia convenzionata e in interventi per l’edilizia scolastica.  

“Abbiamo sollevato la questione etica - si è sfogato - E’ il caso che un ex Sindaco presenti all'aula progetti come un qualsiasi cittadino? Nessun dubbio sulla legittimità degli atti o sulla professionalità della persona - sottolinea -, sosteniamo soltanto che in questo modo sarà davvero sempre più difficile per tutti noi sradicare quel luogo comune presente in città che "ognuno faccia costruire i suoi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma alla fine così sarà. Con 16 voti favorevoli, 7 contrari e 1 astenuto - in realtà poi verbalizzato come voto favorevole perché dovuto a un errore - all’alba di venerdì 12 giugno si è deciso che la Spa, il complesso residenziale e l’Auditorium si faranno. I parcheggi forse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

  • "Aiuto la mamma è in pericolo", bimbo di tre anni chiama i vicini e salva madre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento