In arrivo una "rivoluzione dei ticket" nella Sanità in Lombardia

L'annuncio da parte del governatore della Lombardia Roberto Maroni: al vaglio un intervento che mira a rivoluzionare il sistema dei ticket in base al reddito fino all'esenzione

E' in arrivo una rivoluzione dei ticket nella Sanità in Lombardia. Ad anticiparlo lunedì è stato direttamente il governatore Roberto Maroni con un tweet in cui annunciava che sarebbero arrivate presto delle novità.

"I ticket sono uno dei temi su cui ci siamo impegnati, al di fuori del Reddito di autonomia, e per i ticket abbiamo un'iniziativa specifica, che è stata presentata alle forze sociali e lunedì prossimo ci sarà un incontro con i sindacati per valutare questa nostra proposta e avere il via libera" ha spiegato lunedì pomeriggio il presidente di Regione Lombardia, sottolineando che con la manovra si punterà a ridurre il costo e il peso sulle famiglie delle prestazioni sanitarie. 

Tra le ipotesi di intervento al vaglio, discusse anche a margine di una conferenza stampa con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, c'è la possibilità di introdurre un ticket in base al reddito fino a un tetto massimo oltre il quale dovrebbe scattare l'esenzione. "Si tratta di una nostra proposta molto articolata - ha aggiunto Maroni - e prevede anche risorse economiche" ha aggiunto Maroni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre alla questione ticket poi il governatore lombardo ha preannunciato altre due importanti novità in tema di Sanità: le liste di attesa e la presa in carico della cronicità. "Circa le prestazioni e gli esami abbiamo pensato a una serie di iniziative, che saranno presto realizzate, per migliorare l'appropriatezza, riducendo quindi costi e tempi - ha spiegato il presidente -. Migliorare l'appropriatezza significa che, se una persona ha bisogno subito, va subito a fare l'esame, non si deve mettere in lista d'attesa" ha concluso Maroni da Palazzo Lombardia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, impennata di contagi in un giorno in Brianza: i numeri a Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento