Stupro nel palazzone abbandonato: a Desio arriva Matteo Salvini

Il leader della Lega Nord sarà nella cittadina brianzola martedì 5 settembre

Dopo la violenza sessuale consumata ai danni di una ragazzina di 17 anni a Desio, nei locali indisuso dell'ex palazzo del Mobile inevitabili sono arrivate anche le reazioni politiche. Netta la presa di posizione del primo cittadino di Desio, Roberto Corti, che ha fatto sapere che già prima dell'episodio era stata inviata all'amministratore dello stabile una comunicazione per la messa in sicurezza.

Sull'accaduto è intervenuta anche la Lega Nord che per puntare i riflettori sul problema sicurezza nell'area ha invitato in città il leader del Carroccio Matteo Salvini.  

"Ora il sindaco fa la voce grossa - dicono i militanti della Lega Nord di Desio - intimando ai proprietari di murare tutti gli ingressi dell'edificio, ma fino ad oggi ha dormito e, per dargli una scossa, è servita una tragedia che ha per carnefice un immigrato irregolare, con il foglio di via del 2015 e non sarebbe dovuto essere in Italia. Se oggi il sindaco dice di poter intervenire con un "potere sostitutivo" per chiudere gli accessi al palazzo, significa che in questi anni avrebbe potuto intervenire ma non lo ha mai voluto fare. Questo è di una gravità inaudita" fanno sapere dalla sede cittadina del partito.

a Desio martedì 5 settembre, alle ore 19, in piazza Giotto ci sarà Matteo Salvini per chiedere più sicurezza e legalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento