Politica Lazzate

Alessandro Vedani, il successore di Monti richiamato per turpiloquio

E' a Palazzo Madama da pochi giorni ma ha già incassato due richiami il neosenatore Alessandro Vedani da Buguggiate. Imprenditore nel ramo bonifiche ed ex sindaco, manca però dell'esperienza dell'indimenticabile Monti

LAZZATE –  A Cesarino Monti non sarebbe mai successo. E’ cominciata col botto la carriera in Senato di Alessandro Vedani, l’imprenditore di Buguggiate (Varese)  che  ha occupato lo scranno lasciato libero da  Monti: due richiami in pochi giorni,  per chi ha raccolto il testimone dell'indimenticato sindaco di Lazzate, scomparso la  settimana scorsa per  un male incurabile.

COMUNICAZIONE  - Vedani sembra essere diverso dal predecessore. Vulcanico, sopra le righe, ma  sempre capace di controllarsi al momento opportuno l'uno; giovane e inesperto l'altro. E così, nel bel mezzo dell'emiciclo,  si è lasciato scappare un rotondo «che palle». L'epiteto è apparso fuori luogo nonostante l'Aula ne abbia viste di tutti i colori in questi anni: «Non siamo in un bar» ha sbottato il vicepresidente di turno, il democratico Vannino Chiti. Vedani ha incassato, chiedendo scusa: «Cercherò di adeguare la mia forma di comunicazione», ha detto, non senza un certo imbarazzo.

IL BIS - Ma l'inesperienza si paga.  Poco tempo dopo, il carattere decisamente irruento è riemerso sotto l’elegante doppio petto: «Sono stanco di vedere i miei soldi sputtanati per attività speculative» ha declamato in aulica lingua padana. Va dato atto a Vedani che il linguaggio in questione è  quello caro alla Lega nei caratteristici comizi sul territorio;  ma  in Parlamento le espressioni colorite sono "concesse" solo ai big, gente che regge i governi. Vedani non è tra questi. «Onorevole, sarebbe la prima volta che mi vedrei costretto a togliere la parola ad un senatore per il suo linguaggio» lo ha ammonito Chiti.

VOCABOLARIO - Messo alle strette, e di fronte alla concreta possibilità di essere espulso dall’aula, Vedani ha peggiorato involontariamente la situazione. Per giustificarsi il neo parlamentare non ha infatti trovato parole migliori di queste: «Mi scusi, presidente, non mi veniva un sinonimo». I colleghi in pubblico lo difendono, ma in Transatlantico si sta già diffondendo un certo malumore. Dalla Brianza, non resta che commentare che, decisamente, a Cesarino Monti tutto questo non sarebbe mai capitato.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessandro Vedani, il successore di Monti richiamato per turpiloquio

MonzaToday è in caricamento