La Street Art abbellirà Monza: presentato il progetto Recover

Diversi luoghi monzesi tra cui muri e sottopassi saranno riqualificati grazie all'opera di giovani artisti

L'artista Giorgio Bartocci all'opera (Fonte Facebook)

Bombolette e colori non per imbrattare ma per rendere più bella Monza.

E’ stato presentato mercoledì il progetto Recover che si propone di decorare con murales di giovani artisti altrettanti luoghi del capoluogo brianzolo, dal centro civico di via Iseo, ai muri esterni delle scuole e delle strade cittadine, in particolare dei sottopassi ciclopedonali.

Il Comune ha selezionato il progetto tra quelli presentati in occasione del bando rivolto ai giovani per la coprogettazione di iniziative di aggregazione sociale, di realizzazione di laboratori espressivi, per la promozione di iniziative di condivisione di spazi e per la riqualificazione urbana attraverso la street art.

“Oggi avviamo un pacchetto di interventi che oltre a coinvolgere giovani artisti di fama nazionale e internazionale permetterà di abbellire e riqualificare diversi luoghi cittadini, a cominciare da alcuni sottopassi ciclopedonali” ha commentato l’assessore alle Politiche giovanili, Egidio Longoni.

“Grazie al bando lanciato dal Comune abbiamo potuto coinvolgere in iniziative di partecipazione diverse realtà da tempo impegnate a sostegno di progetti a favore dei giovani che siamo sicuri daranno ottimi frutti. Tutti i bozzetti degli artisti sono sottoposti alla valutazione della Commissione comunale sul paesaggio e al termine del progetto i lavori potranno diventare un percorso espositivo di street art in grado di arricchire l'offerta culturale cittadina” ha poi proseguito l’assessore, sottolineando come il progetto punti a potenziare la rete dei luoghi destinati all’aggregazione sociale dei giovani in città coinvolgendoli in prima persona nella riqualificazione degli spazi.

Il progetto Recover vuole sensibilizzare la città rispetto al tema della Street Art e insieme dare un volto nuovo a zone da riqualificare: nell’immediato si assisterà alla realizzazione di opere artistiche permanenti da parte di giovani artisti italiani e stranieri nelle aree messe a disposizione dal Comune ma il progetto vuole arrivare all’allestimento di mostre temporanee per l'approfondimento della conoscenza degli artisti presso Grauenstudio e alla creazione di workshop didattici da parte degli artisti presso il liceo artistico “Nanni Valentini”. Si punta anche all’istituzione di concorsi artistici per coinvolgere i giovani e contribuire al loro sviluppo artistico.

Sabato 13 dicembre, sarà il turno del primo artista coinvolto, Giorgio Bartocci, che inizierà il suo lavoro sui muri esterni del centro civico di via Iseo. Sempre sabato presso la sede di Grauen Studio di Monza, in via Tofane, l’associazione che cura la realizzazione del progetto in collaborazione con Restart, l’associazione capofila, inaugurerà la mostra dell’artista, “7Fragments”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In meno di un anno, entro novembre 2015, anche il muro del parcheggio viale Lucania 7/9, il muro Grauenstudio sulla ciclabile Villoresi, il sottopasso Stazione - corso Milano insieme al sottopasso Mazzini – largo Mazzini, quello delle vie Rota – Grassi, la passerella pedonale via San Gottardo, la rotonda di via Buonarroti, la facciata dell’asilo in piazza Matteotti, i muri del giardino del NEI in via Enrico da Monza avranno un nuovo volto colorato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Il coronavirus torna a far paura: "Situazione può diventare esplosiva, adesso Monza rischia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento