Taglio dei vitalizi in Lombardia, rabbia degli ex politici: "Riduzione drastica, ma siamo vecchi"

"Siamo impossibilitati a far fronte a drastiche riduzione del trattamento economico"

Hanno sottolineato che quella "riduzione" è "drastica". E hanno ricordato, per far capire che a loro quei soldi servono, che "ormai" sono "vecchi". 

Levata di scudi degli ex politici regionali lombardi, che si sono schierati ufficialmente contro la decisione del Pirellone di tagliare i vitalizi. Il 18 dicembre scorso, e la Lombardia è stata la prima regione italiana a farlo, il consiglio ha infatti scelto di cancellare gli "assegni" in favore di pensioni con sistema contributivo, calcolate quindi in base ai contributi

Giovedì - un po' sulla scia di quanto era già successo nel 2015 - l'associazione degli ex politici del Pirellone ha però deciso di rivolgersi ai colleghi in carica e al presidente Attilio Fontana con una lettera in cui spiegano che l'emendamento è stato approvato "in modo estremamente veloce, quasi foste dei carbonari e non dei legislatori in carica".

Gli ex consiglieri si definiscono poi "ormai vecchi e impossibilitati a far fronte a drastiche riduzioni del trattamento economico", anche perché qualcuno - a dire dei colleghi - aveva "rinunciato a suo tempo a professioni e attività per l'incarico di consigliere". Proprio per questo chiedono al consiglio di trovare "una soluzione o una formulazione migliorativa" rispetto al passaggio al sistemo contributivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento