Politica Regina Pacis / Via Calvi

Brugherio, assolto l'ex consigliere del Pdl: non commise abuso d'ufficio

Era accusato anche di conflitto d'interessi: si era astenuto ma aveva partecipato al voto su un piano edilizio da lui progettato come geometra

Vittorio Cerizza, ex consigliere comunale del Pdl di Brugherio, è stato assolto dall'accusa di abuso d'ufficio e conflitto d'interessi. La vicenda risale al settembre 2010 in riferimento a una precedente seduta di consiglio comunale, quando Cerizza si era astenuto ma era rimasto in aula (contribuendo a mantenere il numero legale) durante la votazione del piano di via Calvi, un progetto di 1.800 metri cubi di edilizia residenziale a cui aveva partecipato come geometra.

Il giudice ha riconosciuto che Cerizza non aveva l'obbligo di abbandonare i lavori mentre si discuteva del piano. Dunque nessun illecito amministrativo. E nemmeno un vantaggio economico, come invece l'esposto giunto in procura faceva supporre, avanzando dubbi sulla volumetria compensativa a fronte di cessioni gratuite di aree al comune. Secondo la sentenza, anche l'accusa di abuso d'ufficio, ravvisata dai pm su questo punto, è da far cadere.

In seguito all'episodio Cerizza uscì dal Popolo della libertà. "Ho evitato di candidarmi ma ho preso le distanze da un partito dentro il quale mi sono sentito pugnalato alle spalle", ha commentato l'ex consigliere comunale dichiarandosi vicino a "Uno sguardo oltre".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brugherio, assolto l'ex consigliere del Pdl: non commise abuso d'ufficio

MonzaToday è in caricamento