Da Regione Lombardia in arrivo 74mila euro per la sicurezza a Desio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Sono stati pubblicati i risultati dei due bandi sulla sicurezza presentati nei mesi scorsi dalla Regione Lombardia. A disposizione di Comuni, Unioni di Comuni e Comunita' montane sono stati messi 8,6 milioni di euro per il finanziamento di 169 progetti di videosorveglianza e per le dotazioni delle polizie locali. Tra i comuni che il Pirellone ha finanziato, c'è anche Desio.

"E' il nostro modo per rispondere al grido d'allarme del territorio lombardo in ambito di sicurezza - ha detto l'assessore Simona Bordonali -. La Regione purtroppo ha poco margine di manovra in materia, ma credo che destinare risorse economiche per progetti di prevenzione e strumenti di supporto agli agenti sia la risposta piu' concreta che si possa fornire ai cittadini".

In arrivo a ‪Desio‬ ci sono ben 74mila euro, che saranno utilizzati per potenziare la sicurezza nella nostra città. Saranno acquistate una nuova auto per la Polizia Locale, scanner, sistemi di rilevamento targhe ed installate nuove telecamere di controllo. Questi sono i risultati concreti di una politica concreta portata avanti dalla regione Lombardia a sostegno della sicurezza nei comuni. Le telecamere di controllo serviranno per monitorare costantemente 5 varchi di accesso alla città, così come dal progetto presentato dal comune e firmato dall'assessore Jennifer Moro. "Che però poteva indirizzare meglio le richieste dell'amministrazione, -commenta il consigliere comunale Andrea Villa, della Lega Nord -: monitorare 5 varchi di accesso della città è meglio di niente, ma se consideriamo che le strade di accesso a Desio sono una quindicina, capiamo come questo lavoro avrebbe potuto essere realizzato meglio ed in maniera più efficace. In questo modo, è come chiudere a chiave la porta di casa e lasciare spalancate le finestre".

I progetti, così come stabilito dalle linee guida regionali, dovranno essere realizzati entro il 31 agosto 2016. "La sicurezza dei cittadini e' un bene primario - ha concluso Bordonali - e la Regione Lombardia vuole agire concretamente, in risposta al nulla delle chiacchiere del governo centrale. Mettiamo risorse economiche a disposizione dei Comuni, massacrati dai tagli di Renzi. Purtroppo queste risorse non bastano a soddisfare tutte le 820 richieste pervenute per un totale di oltre 45 milioni di euro. Proveremo a reperire le risorse per altri bandi nel 2016. E' evidente tuttavia - ha concluso - come l'unica strada percorribile per avere disponibilita' economiche tali da soddisfare tutte le richieste sia quella dell'autonomia fiscale della nostra regione".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento