Lotta all'Aids, la Brianza in prima linea: test rapido a Muggiò

I dati dell'Ats: "I soggetti sieropositivi noti sono circa lo 0,26 per cento della popolazione"

28 nuove diagnosi di Aids nel 2017 e 8 nel primo semestre del 2018; 77 nuove diagnosi per Hiv sempre lo scorso anno (pari al 6,4 per 100.000 abitanti) e 30 nei primi sei mesi di quest’anno; 35 nuove diagnosi di sifilide ancora nel 2017 e 14 nel primo semestre nel 2018. Questi i numeri delle principali malattie a trasmissione sessuale per il territorio delle province di Lecco e di Monza che Ats Brianza rende noti  in occasione del 1° dicembre, Giornata mondiale per la lotta all’Aids.

“Il trend della nostra Ats ricalca il dato lombardo: i soggetti sieropositivi noti sono circa lo 0,26 per cento della popolazione - spiega il dottor Giovanni Fioni, responsabile della unità operativa di promozione della salute, prevenzione fattori di rischi comportamentali e medicina interculturale di Ats Brianza -. Ma purtroppo esistono molti soggetti sieropositivi inconsapevoli stimati in un quinto dei soggetti sieropositivi noti. Molte Infezioni sessualmente trasmesse sono asintomatiche, tra queste l’Hiv.  La diagnosi precoce è l’obiettivo su cui puntiamo come agenzia di tutela della salute insieme alla prevenzione dei comportamenti a rischio, soprattutto perché i nuovi casi di infezioni sessualmente trasmesse sono in  stretta correlazione con i comportamenti sessuali e in particolare con i rapporti sessuali non protetti con partner occasionali, che causano l’86% delle nuove infezioni”. 

L’uso promiscuo di siringhe, un tempo la prima causa di trasmissione, contribuisce solo per il 4% dei casi. Sottoporsi al test della saliva permette di accertare la presenza dell’infezione in modo rapido (40 minuti) e di tutelare se stessi e i propri partner. Per questo sarà possibile effettuare il test rapido della saliva a Muggiò dal 26 al 30 novembre dalle 16 alle 19 e sabato 1° dicembre dalle 9 alle 13 presso l’ambulatorio IST  (Infezioni Sessualmente Trasmesse) di via Dante 1.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tornando ai dati, i soggetti che più si espongono a contrarre Hiv e infezioni sessualmente trasmesse sono i giovani, maschi e femmine sotto i 30 anni, ma nessuna fascia di età è esente da rischio di infezione. Tutta la popolazione sessualmente attiva con rapporti occasionali non protetti dovrebbe proteggere se stesso e il proprio partner decidendo di fare il test per Hiv.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento