rotate-mobile
social

"Fino all'alba", Arisa canta il brano scritto da due 17enni brianzoli

Il brano è tra i due cantidati a diventare l'inno delle Olimpiadi e delle Paraolimpiadi di Milano-Cortina 2026

Nel corso della seconda serata del Festival di Sanremo, c'è stata una "sfida" davvero particolare: Arisa e Malika Ayane hanno interpretato i due brani candidati a diventare l'inno di Milano - Cortina 2026.

Arisa ha cantato "Fino all'alba", scritto da due diciassettenni di Seveso: Giulio Gianni e Francesco Marrone, del Corpo Musicale "La Cittadina" di S. Pietro Martire Seveso. "Giovanissimi, solo 17 anni, 2 ragazzi straordinari, di grande talento. Ragazzi come noi con un grande sogno nel cassetto. E ora quel sogno è diventato il sogno di tutti noi" ha scritto il coro sulla sua pagina Facebook. Per poi invitare a votare: "Con il vostro aiuto potremo toccare le nuovole e volare con le aquile". A scegliere l'inno, infatti, saranno gli utenti del web. Che potranno votare il loro preferito sul sito https://www.milanocortina2026.org.

La scelta dei brani è stata affidata alla direzione artistica del contest, affidata al maestro Peppe Vessicchio.

Il Corpo Musicale "La Cittadina" di S. Pietro Martire Seveso è stato fondato nel 1881 da un gruppo di giovani appassionati di musica, che si finanziava con l'aiuto di tutta la comunità con la vendita di cereali e biada. La prima sede della banda fu una stalla, in centro paese, sufficientemente grande e riscaldata da poter ospitare confortevolmente i musicanti. Da 140 anni l'attività musicale de "La Cittadina" si fonda sulla profonda convinzione del valore sociale e culturale della Musica, in particolare di quella espressione "popolare" di un coro inteso come "scuola di vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fino all'alba", Arisa canta il brano scritto da due 17enni brianzoli

MonzaToday è in caricamento