Ci sono due locali brianzoli tra i migliori birrifici d'Italia

Il Carrobiolo di Monza e il Birrificio Rurale di Desio sono tra i migliori birrifici d'Italia secondo Slow Food

Foto: Birra Del Carrobiolo (Facebook)

Come ogni anno, Slow Food Editore ha stilato la guida ai migliori birrifici d'Italia.

Due sono i birrifici brianzoli presenti: il Birrificio Rurale di Desio è tra le new entry delle chiocciole (birrifici eccellenti e slow riconosciuti per la qualità e la costanza delle birre, ma anche per il ruolo svolto nel settore birrario nazionale, per l’identità e per l’attenzione al territorio e all’ambiente), ma si conferma anche il Carrobiolo di Monza.

Il Birrificio Rurale nasce nel 2009 da un'idea di cinque amici:  Lorenzo Guarino, Silvio Coppelli, Beppe Serafini, Marco Caccia e Stefano Carnelli. Insieme, decidono di collocare il loro impianto di produzione in una cascina di Cascine Calderari, piccola località fuori dal comune di Certosa di Pavia. A trasformarsi in "incubatrice" del birrificio è il silos. I primi sei mesi portano a circa ottanta ettolitri di birra prodotta: Seta, Terzo Miglio, Milady, Castigamatt, Blackout, Oasi. A febbraio 2010 la Terzo Miglio ottiene la medaglia d’oro nella sua categoria a Birra dell’Anno, il contest riservato alle birre artigianali più importante in Italia, l’anno dopo l’oro lo ottiene la Castigamatt. Poi, nel 2013, la produzione si sposta a Desio. Le birre del Rurale iniziano a viaggiare all’estero: Stati Uniti, Olanda, Inghilterra, Svizzera, Danimarca, Hong Kong. La volontà dei suoi fondatori? Perseverare sulle classiche e consolidate che hanno fatto la prime fortuna del birrificio, mantenendole sempre all’altezza delle aspettative, e poi lasciar galoppare la fantasia e la voglia di sperimentare in novità che si succedono a ritmo costante. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Carrobiolo di Monza si occupa direttamente di tutto il processo produttivo: selezione e approvvigionamento delle materie prime, creazione e messa a punto delle ricette, ciclo di ammostamento e bollitura, fermentazione e maturazione, confezionamento in bottiglie e fusti. Le birre prodotte sono sia a bassa che ad alta fermentazione, sia leggere che forti, sia chiare che scure, sia amare che dolci. Il birrificio e le birre hanno ottenuto i più alti riconoscimenti nella "Guida alle birre d'Italia" per quattro edizioni consecutive: 2011, 2013, 2015 e 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento