rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
social

Ecco dove vive ancora lo Spirito del bosco: a pochi chilometri da Monza un mondo incantato da esplorare

GQ l'ha inserita tra le dieci passeggiate più belle in Lombardia

Un'avventura nel bosco adatta a grandi e piccini dove la fantasia è la protagonista assoluta. Parliamo della camminata dello Spitito del Bosco, un modo di trascorrere una bella giornata in mezzo alla natura dimenticamdo i telefonini. Per trovare questo sentiero incantato bisogna arrivare a Canzo, che da Monza dista circa 40 minuti di macchina, prendendo la Statale 36.

Canzo Monza-2

Qui si parcheggia in Piazzale Giovanni XIII e poi ci si avvia verso la località Prim’Alpe. Ecco che comincia il Sentiero dello Spirito del Bosco. La camminata è abbastanza facile e prevede solo dei brevi tratti in salita. Per tutto il tempo il sentiero è attraversato da un torrente la cui voce rende l'atmosfera già di per se magica. Ma chi camminerà con gli occhi attenti ai minimi dettagli e lascerà il cuore aperto all'incanto, potrà incontrare lo Spirito del Bosco, introdotto e onorato da sculture di gnomi, creature fatate, libellule, animaletti, folletti intagliati nel legno in totale armoia con gli alberi e la natura. Sono le magiche opere di Cortinovis, che vi catapulteranno in un mondo fatato e vi accompagneranno lungo il tragitto.

Gnomi e creature fantastiche tutte da scoprire camminando, elfi e maghetti con cui scattare anche qualche foto, senza farli arrabbiare! Gli abitanti del bosco, così rappresentati, oltre a divertire i bambini riescono anche, almeno per un giorno, a far sognare i genitori o chiunque volesse avventurarsi nella natura ed abbandonarsi al suo mistero. Come in quasi tutte le favole, il bosco è il grande protagonista di questa passeggiata, con le sue ombre e le sue luci e queste faccine che spuntano improvvisamente: sparpagliati un po’ ovunque, ci sono folletti, gnomi, l’asino ubriaco e tantissimi altri bizzarri personaggi.

Non mancano passerelle, ponticelli e come nelle migliori tardizioni fiabesche c'è anche un piccolo labirinto. Non bisogna dare per scontato nulla e guardare in ogni angolo, su ogni albero e in qualsiasi direzione: perchè gli abitanti del bosco sono parte di lui, e nelle sue braccia si nascondono, per osservare gli escursionisti.

La camminata dura circa 1 ora e mezza, è consigliata a tutti ma non è molto praticabile col passeggino. 

Chi ha creato lo Spirito del Bosco

Alessandro Cortinovis, abile scultore, è il papà "geppetto" di queste fantastiche creature: lo Gnomo Gnogno, il Saggio del Bosco, la Salamandra, l'Homo Salvadego e i simpatici Spiriti Canterini. Nel 2012 il lavoro di Cortinovis è stato arricchito da altri scultori che si sono sbizzarriti, con il loro talento, a far emergere nuove figure dai tronchi e dalle rocce del bosco. Approfittate, dunque, di queste giornate gradevoli per concedervi un tuffo nel mondo della fantasia. Ne vale davvero la pena. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco dove vive ancora lo Spirito del bosco: a pochi chilometri da Monza un mondo incantato da esplorare

MonzaToday è in caricamento