È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

Come ogni anno, Gambero Rosso ha stilato la classifica dei migliori ristoranti d'Italia assegnando le forchette (come Michelin fa con le stelle)

Il Coronavirus non ha fermato il Gambero Rosso.

Seppure la ristorazione stia vivendo un momento difficile, la celebre guida ha stilato come ogni anno la guida ai migliori ristoranti d'Italia. Tuttavia, si tratta di un'edizione un po' speciale. "Niente voti né valutazioni analitiche, quindi, in un’edizione che oggi come non mai, dà servizio al lettore e visibilità a chi ce la sta mettendo tutta per stare a galla. Rimangono i simboli (Forchette, Gamberi, Bottiglie, Mappamondi, Boccalini, Cocotte, da uno a tre a seconda del grado di eccellenza), spariscono voti e numeri" si legge sulla guida.

E se Milano domina con i suoi ristoranti a "tre forchette", due sono i ristoranti della provicia di Monza e Brianza che - di forchette - ne hanno guadagnate due. Quali sono? Il Derby Grill dell'Hotel De la Ville e il Pomiroeu di Giancarlo Morelli, a Seregno. 

La cucina del Derby Grill è un equilibrio perfetto tra le radici enogastronomiche del territorio monzese e il calore delle radici campane dell'Executive Chef Fabio Silva: le materie prime di stagione, ciascuna selezionata nel proprio territorio di elezione, vengono qui interpretate con magistrale creatività. 

Il Pomireu è il regno dello Chef Giancarlo Morelli che, con la sua esperienza e la sua attenzione per prodotti naturali e stagionali, porta in tavola una cucina basata sulla sostenibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento