social

Miniere di Dossena, per un viaggio al centro della terra

Riaperte al pubblico dopo 34 anni di lavori, le Miniere di Dossena distano un'ora e mezza da Monza e sono perfette per un pomeriggio coi bambini

Sei in cerca di un meta originale per un pomeriggio lontano dalla città, magari insieme ai tuoi bambini? In un'ora e mezza d'auto puoi raggiungere le Miniere di Dossena (si trovano in località Paglio, in provincia di Bergamo). Attenzione però: le miniere non sono sempre aperte, ed è necessario consultare il sito ufficiale (https://minieredidossena.wordpress.com/) per conoscere le date d'apertura dei prossimi mesi.

Aperte al pubblico ben dopo 34 anni dalla cessazione dell'attività di estrazione, le miniere hanno richiesto diversi anni per sistemare tutto e per la messa in sicurezza da parte di esperte e volontari. Tutti con un unico comun denominatore: far conoscere il patrimonio storico e culturale con un
pezzo fondamentale della comunità di Dossena e dei paesi limitrofi.

Miniere di Dossena, storia e cosa vedere

Agli inizi del Cinquecento si racconta della presenza di Leonardo Da Vinci in questa zona, che tracciò le mappe della Val Brembrana e della Val Seriana. Le miniere furono invece citate per la prima volta nella Naturalis Historia dello storico latino Plinio il Vecchio (durante il periodo in cui sono state risistemate vi hanno trovato utensili risalenti a quest’epoca).

La visita alle Miniere di Dossena parte dalla galleria d’accesso (un tempo ingresso degli operai) e da quella usata per la fornitura di acqua e aria e per il trasporto dei materiali. Prosegue poi nel tunnel principale lungo circa 300 metri, che si affaccia su una caverna artificiale da cui si aprono due gallerie. La galleria del vento porta ad sito di estrazione in vari livelli che raggiunge l’abitato di Dossena, mentre la galleria dei sospiri è stata oggetto di uno degli ultimi scavi.

Le rocce che si vedono risalgono a ben 230 milioni di anni fa, quando la zona era come un’isola tropicale. Sono molto porose e nei loro buchi, con gli anni, si sono formati diversi minerali. Tra quelli visibili ci sono la Calamina, da cui si ricava zinco, la Fluorite da cui si crea l’acido fluoridrico, la Calcite simile al quarzo, l’Aragonite e la Vaterite. In ultima la Barite, usata in diversi settori per i suoi pigmenti. 

Si consiglia un abbigliamento comodo, con giacca pesante e scarponi da montagna, perché la temperatura interna si aggira intorno agli 8°C ai 10°C. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miniere di Dossena, per un viaggio al centro della terra

MonzaToday è in caricamento