rotate-mobile
social

Riccardo Mortelliti con i suoi milioni di follower ci racconta tutto il Trash di Monza: "Si ride per non piangere"

Il 30enne monzese DOC è l'ideatore di Intrashttenimento2.0 e Intrashttenimonza

Una pagina Instagram ironica e che strappa tante risate ma fa anche molto riflettere. Si ride per non piangere, insomma. Parliamo di Intrashtteinmonza, gestita accuratamente da Riccardo Mortelliti, monzese DOC, 30 anni appena compiuti. La pagina del trash monzese conta oltre 13mila follower ma Riccardo gestisce anche Intrashttenimento2.0 con 1.8 milioni di appassionati pronti a seguire le gesta, gli avvenimenti, le foto delle stranezze quotidiane più trash a Monza (dove Riccardo gioca in casa) e in tutta Italia. In inglese trash significa letteralmente "immondizia" ma in senso lato è un orientamento del gusto basato sul recupero e sulla valorizzazione, spesso ironica, di ciò che è deteriore, grottesco, volgare.

Un profilo social quello di Intrashtteinmonza che non è fatto tutto solo per far ridere, al contrario è un modo per denunciare a chi di dovere quello che succede in città, a volte al limite della parodia ma il succo non cambia. 

C'è il pesce cartello, ci sono persone in riva al Lambro in pieno centro a lavarsi piedi e vestiti, biciclette lanciate, spazzatura in ogni dove. Un po' tragica e un po' comica la Monza che esce fuori da questa descrizione per immagini e Meme.

(Il pesce cartello, foto da Intrashtteinmonza)

pesce cartello nel lambro-2

Riccardo, come è nata l'idea di Intrashtteinmonza?

È un'idea nata in piena pandemia, quando il tempo libero era molto. Dopo Intrashttenimento2.0 (che ha già 1.8 milioni di follower ed è nato nel 2013) ho deciso di specializzarmi nella mia città, Monza. Su Monza i nostri oltre 13mila affezionati ci seguono con grande partecipazione e mandano molte segnalazioni, foto, osservazioni. 

Alcune cose sono diventate delle specie di challenge, come quando passano i camion della raccolta rifiuti: il gioco consiste in uno shottino ogni volta che ne passa uno. Si fa per ridere ovviamente ma credetemi che i Sangalli passano anche 30 volte in una notte! Dietro questa cosa c'è chiaramente una lunga riflessione sulla gestione dei rifiuti e su come a Monza cambiano le modalità... ma non è questa la sede. 

differenziata-2

A parte fare ridere, al limite del sarcasmo, dove vuoi arrivare con  Intrashtteinmonza?

Mi piacerebbe che quello che faccio vedere in forma divertente e ironica arrivasse alle istituzioni e che le stesse intervenissero. Il problema della politica è anche lo snobismo, il non ascoltare i cittadini se le richieste non sono protocollate anche se a volte basterebbe guardarsi intorno e fare due passi per la città. Sono tantissimi i cittadini monzesi che mi segnalano le cose e mi mandano foto. Un esempio? Quando avevo scritto che avevano installato la ruota panoramica vista tossici, chiaramente vi è dell'ironia ma non si può negare che in zona stazione a Monza, da sempre, ci siano molte persone che spacciano e fanno uso di droghe. Lo stesso vale per il pesce cartello o il pesce bicicletta: non è normale che in pieno centro vengano buttati questi oggetti nel fiume che attraversa la città. Come lo dico io magari fa ridere ma fa anche riflettere. 

( Da Intrashttenimonza)

lambro-12-2

Cosa è migliorato e cosa è peggiorato a Monza secondo la tua esperienza da monzese DOC? 

Le aree dismesse sono sempre più degradate. manca quella capacità che hanno città come Milano o anche Bergamo di trasformare alcune zone. Un'altra cosa che lascia un po' a desiderare è la Movida monzese, siamo 20 anni indietro a città come Milano o la Bergamo universitaria sempre per fare esempi vicini a noi. Come copertura wi-fi e tecnologia in questo senso mi sento si spezzate una lancia in favore della mia città perché davvero si potrebbe lavorare e connettersi ovunque. In questo non è rimasta indietro. 

Questi i link di Intrashttenimento2.0 e Intrashttenimonza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riccardo Mortelliti con i suoi milioni di follower ci racconta tutto il Trash di Monza: "Si ride per non piangere"

MonzaToday è in caricamento