I pediatri suggeriscono: ecco come far giocare i bimbi in casa

Intrattenere i bimbi in casa non è facile, ma ora in aiuto dei genitori arrivano i pediatri. Ecco i loro consigli

Designed by Freepik

Non è certo facile tenere in casa i bambini, che sia per il maltempo o per le restrizioni imposte dal Covid-19. Lontani dalla scuola, dallo sport e dai loro amici, i piccoli possono annoiarsi, diventare irritabili, e rischiano di passare troppo tempo di fronte alla tv o al tablet.

In aiuto dei genitori, però, arrivano ora i pediatri della SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) che, insieme a psicomotriciste e logopediste, hanno fornito utili consigli per chi ha bimbi sotto i 6 anni d'età.

Chiedere il loro aiuto. Che si carichi la lavatrice o si lavino i piatti, poco importa: chiedere ad un bimbo di stare vicino al genitore e di imitarlo favorisce la motricità fine e generale e la relazione interpersonale. Un ottimo sistema di apprendimento cognitivo ed emotivo.

Giocare a vestirsi. Quando si va all'asilo o dai nonni, in genere è tutta una lotta contro il tempo. E, per fare prima, siamo noi a vestire i nostri bimbi. Perché non approfittare di questi giorni per far scegliere loro i vestiti, e stimolarli a metterli da soli?

Condividere le attività in cucina. Spremere un'arancia, impastare la pasta frolla per i biscotti, preparare una polpetta, schiacchiare una banana: i più piccoli possono svolgere tutte queste attività. E saranno super soddisfatti nel mangiare qualcosa di preparato da loro stessi!

Raggruppare oggetti, infilare e usare le mollette. Apprendere i primi concetti matematici come l'addizione e la sottrazione diventa semplice se si utilizzano oggetti d'uso comune come le mollette. O se si svolgono semplici attività come infilare i maccheroncini di pasta per realizzare collane e braccialetti, o fare mucchetti d'oggetti uguali. 

Fare nodi, nastri e fiocchi. Disegnare una scarpa di cartone con dei buchi e insegnare ai bimbi ad allacciare le stringhe con un bel nastro colorato può essere un divertente (ed educativo) passatempo.

Palla, palline di carta, corda. Tra fratelli, o tra genitore e figlio, giocare con la palla o con la corda stimola il movimento armonico, la socializzazione, la consapevolezza dell'ambiente circostante. E, se bisogna fare poco rumore, si può realizzare una pallina di carta e scotch.

Leggere le storie, ma in chiave nuova. Se un bambino chiede che gli venga letta una storia, non solo va accontentato: è necessario anche leggergliela senza fretta, dando ai personaggi sfumature diverse, per rendere l'atmosfera ancora più magica.

Giocare con le scatole di cartone. Casette, automobili, aeroplani, spade, elmi: con le scatole di cartone si possono realizzare tantissime cose! Bastano un paio di forbici, una colla e dei colori e... il gioco è fatto!

Ballare. Il movimento e la danza insieme a mamma e papà stimolano i bimbi a muoversi in modo armonioso.

Cantare. Da soli oppure con mamma e papà, imparare nuove canzoncine, scoprire le rime e canticchiare aumenta la proprietà di linguaggio e l'emissione di suoni corretti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

Torna su
MonzaToday è in caricamento