Lunedì, 18 Ottobre 2021
social

Poke Bowl, la ricetta per farlo in casa

Piatto hawaiano servito in una ciotola, il Poke può essere preparato in casa con facilità: basta scegliere i giusti ingredienti

Piatto hawaiano servito in una ciotola (bowl), il Poke o Poke Bowl è un equilibrato mix di riso, verdure e pesce crudo a cubetti con aggiunta di olio, avocado, semi e condimenti vari (molto spesso si usa la salsa di soia). 

Da quando è arrivato in Italia, ha disegnato una vera e propria tendenza. È la quintessenza del cibo healthy, è gustoso, ed è molto pratico per chi pranza in ufficio. Ma vediamo di preciso che cos'è e come prepararlo da sé.

Che cos’è il Poke

In origine il Poke era un piatto della cucina povera hawaiana, preparato dai pescatori per smaltire gli avanzi di ciò che avevano pescato.

Diffusosi poi nel resto del mondo, apprezzatissimo anche dai palati più esigenti e fenomeno virale su TikTok, è un piatto estremamente salutare ma anche molto goloso che, di norma, dovrebbe contenere un terzo di verdure, un terzo di proteine e un terzo di carboidrati.

Nella ricetta tradizionale hawaiana tutti gli ingredienti vengono lasciati insaporire in una sorta di marinatura, mentre in Occidente viene condito al momento. Due sono le versioni tradizionali di Poke hawaiano: l’Aku poke a base di tonno, e l’He'e poke a base di polpo. Tuttavia il Poke può essere preparato in moltissimi modi diversi, utilizzando gli ingredienti che si preferiscono.

Poke, come prepararlo

Nonostante sia molto semplice, la preparazione del Poke richiede alcuni piccoli accorgimenti. Innanzitutto, gli ingredienti devono essere freschi e d'altissima qualità. Questo, a prescindere da ciò che si sceglie.

Nella ricetta tradizionale il pesce viene servito crudo, spellato, sventrato, deliscato e tagliato a cubetti, ma deve anche essere freschissimo e precedentemente abbattuto affinché sia sicuro. Nulla vieta però di utilizzare pesce cotto, fritto o alla piastra. Il riso bianco (che ha un indice glicemico alto, aumentando il rischio di diabete di tipo 2) può poi essere sostituito con cereali integrali come orzo o quinoa, oppure è possibile preparare un'alternativa priva di cereali utilizzando spirali di zucchine, edamame o insalata di alghe.

Inoltre, è possibile anche preparare delle Poke Bowls vegane, prive quindi di alimenti di origine animale, utilizzando il tofu, il tempeh o il seitan al posto del pesce.

Riso

riso-poke

Per preparare un ottimo Poke è consigliabile utilizzare il riso Basmati o Jasmine, da cuocere secondo il tradizionale metodo di cottura della cucina giapponese, ovvero per assorbimento su fiamma bassa. 

Fai cuocere il riso in poca acqua  (quanto basta per coprirlo) coprendo con il coperchio e lasciando su fiamma bassissima fino a quando l’acqua non sarà stata assorbita del tutto. Poi lascia raffreddare.

Salse

salsa-di-soia

Le Poke Bowls sono tradizionalmente condite con olio di sesamo e salsa di soia, ma si può personalizzare la ricetta utilizzando la salsa teriyaki o la salsa poke,  a base di salsa di soia a fermentazione naturale, olio di sesamo tostato, succo di limone, alghe marine e peperoncino.

La ciotola

ciotola-poke

Per il Poke, l'impiattamento è tutto. Scegli una ciotola rotonda e abbastanza capiente da contenere perfettamente tutti gli ingredienti, dando la giusta profondità al condimento, come 

queste di Pandoo: un set di 2 ciotole in noce di cocco completo di 2 cucchiai realizzati dal tronco della palma di cocco. Naturale, riutilizzabile, resistente e leggero, il set è interamente fatte a mano e lucidato con olio di cocco.

Le ricette

libro-ricette-poke

Sei in cerca di idee per preparare una deliziosa Poke Bowl? La soluzione giusta allora è un buon 

libro di ricette. "Bowls dolci e salate" di Orathay Souksisavanh è un manuale pratico e chiaro con tante ricette di bowls salate e dolci, adatta e pranzi, cene, colazioni e merende, per sperimentare e goderti piatti sani e gustosi anche a casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poke Bowl, la ricetta per farlo in casa

MonzaToday è in caricamento