rotate-mobile
social

A due ore da Monza, tra panchine giganti e una vigna di pastelli

Un'idea originale per un weekend in famiglia, tra natura, arte e il profumo delle vigne

Tra le tante panchine giganti che costellano l'Italia ce n'è una davvero particolare: è la "Big Bench" di Coazzolo (Asti), a due ore d'auto da Monza. 

La panchina numero 26 del circuito delle Big Benches (creato da Chris Bangle, partito dalle Laghe e poi diffusosi in moltissime località del Piemonte, della Toscana, della Lombardia e della Valle d'Aosta) si trova a due passi da una vigna di pastelli giganteschi. Di proprietà dell'Azienda Agricola Anfosso Precario, la vigna ospita una fila di pastelli colorati all'inizio di ogni filare, frutto dell'opera dell'artista alessandrino Aldo Divano.

Così, per la gioia dei più piccini, ecco che si può passare da una maxi panchina a maxi matite. 

A soli 150 metri dalla Vigna dei Pastelli, trova posto poi un'altra originale opera d'arte. È la chiesetta del piccolo borgo di Coazzolo, decorata da David Tremlett (giù autore della Cappella delle Brunate). Nel 2017 Silvano Stella, Assessore alla Cultura di Coazzolo, chiese a Tremlett di portare a nuova vita la Chiesetta della Beata Vergine Maria del Carmine, edificio del XVII secolo per fare di Coazzolo un luogo di arte e di cultura. Oggi la sua facciata terra di Siena, giallo oro e verde oliva si staglia contro le colline dei vigneti del moscato di Coazzolo, e rende questo luogo ancora più bello. La meta perfetta, per un weekend lontano dalla città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A due ore da Monza, tra panchine giganti e una vigna di pastelli

MonzaToday è in caricamento