"Spider one" di Starch: e la gestione dell’ufficio tributi in alcuni comuni brianzoli è più efficiente

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Si è conclusa la sperimentazione del progetto Spider One di Starch nei Comuni di Basiano, Masate e Cambiago per garantire più efficienza, trasparenza ed efficacia nelle attività tributarie, attraverso la creazione di una banca dati immobiliare e del “Portale del contribuente” per i cittadini. I risultati saranno presentati a Milano, presso il Palazzo delle Stelline, il 6 ottobre, nell’ambito del programma di eventi per la pubblica amministrazione “Risorse Comuni”, promosso da Anci Lombardia e organizzato da Ancitel Lombardia.

 Per conoscere la capacità tributaria di un territorio amministrato da un Comune è fondamentale la creazione di una banca dati immobiliare in base alla quale calcolare il gettito per ogni immobile e poterlo confrontare con l’introito effettivo. In questo modo l’ufficio tributi non controlla più a posteriori il calcolo e il pagamento delle imposte, ma conosce a priori e perfettamente oggetti e soggetti dei tributi, calcola il dovuto, lo comunica al contribuente e ne verifica il pagamento. Un processo all’insegna dell’efficacia e dell’efficienza che da oggi potrà essere realizzato grazie al progetto Spider One.

La procedura è stata già sperimentata da Starch, azienda di software, servizi e sistemi per la conoscenza e il controllo del territorio da parte degli enti pubblici, nei Comuni di Basiano, Masate e Cambiago. Nei primi due, che contano complessivamente oltre 7.200 abitanti e più di 7.400 immobili al catasto, Starch ha introdotto anche il Portale del contribuente, per dialogare con i cittadini. Spider One è  in grado di gestire al meglio le attività dell’ufficio tributi comunale alla luce dei diversi tipi di imposte sugli immobili che negli ultimi anni hanno richiesto una gestione molto complessa. Per gli abitanti di questi Comuni vuol dire essere sottoposti a una tassazione più equa e trasparente. Per l’amministrazione il vantaggio è un controllo più preciso e maggiori entrate.

Il progetto Spider One porta alla creazione di una banca dati affidabile e certificata degli oggetti tributari su base catastale che copre il 90% degli immobili con le informazioni necessarie, quali 
i proprietari effettivi, gli identificativi degli occupanti, la posizione cartografica, la via e numero civico esatto, le condizioni di pertinenza. Il sistema permette inoltre l’identificazione puntuale del 10% degli immobili non completamente certificati, dando la possibilità all'ufficio di completare l'archivio. Il progetto consente poi di comunicare al cittadino gli importi dei tributi dovuti e offre un sistema semplice ed efficace di aggiornamento dei dati, oltre che un portale web di facile accesso (il “Portale del contribuente”) per i cittadini che vogliano consultare il proprio stato tributario.

La banca dati che viene creata permette di raccogliere i dati distribuiti tra i diversi archivi (TRSU, anagrafe, CCIAA, denunce ICI, catasto), ordinarli e collegarli ai loro attributi corretti. Tra i risultati raggiunti con la sperimentazione, si parla ad esempio del 92% di immobili di categoria catastale A certificati per i Comuni di Basiano e Cambiago e del 90% per Masate.

Claudio Beretta, amministratore delegato di Starch, afferma: “Abbiamo deciso di sviluppare il progetto Spider One partendo dalla nostra trentennale esperienza nel controllo del territorio e seguendo le indicazioni della riforma della pubblica amministrazione, che sta imponendo processi di semplificazione in tutti i settori. Nei Comuni di Basiano, Masate e Cambiago abbiamo compiuto un’analisi della situazione organizzativa degli uffici tributi comunali, rilevato le criticità e messo a punto il prototipo che potrà essere esteso ad altri Comuni della Lombardia e, in una seconda fase, al resto d’Italia”. Conclude Beretta: “Il nostro progetto garantisce risultati, costi e tempi certi: oggi un’amministrazione di circa 5 mila abitanti può avviare e portare a termine il progetto in cinque mesi, arco di tempo che arriva a dieci mesi in caso di enti con 30 mila abitanti”.

Il progetto Spider One e la sperimentazione nei Comuni lombardi saranno presentati a Milano il 6 ottobre presso il Palazzo delle Stelline da Starch con HarnekInfo Srl, nell’ambito del programma di incontri “Risorse Comuni” promosso da Anci Lombardia e organizzato da Ancitel Lombardia per gli operatori della pubblica amministrazione.

www.starch.it

Torna su
MonzaToday è in caricamento