Record e risultati

Matteo, il brianzolo che sfiora il record mondiale di arrampicata

Matteo Zurloni ha battuto il record Italiano di arrampicata speed a soli 18 centesimi dal primato mondiale. Un tempo eccezionale dopo la vittoria del secondo posto al campionato europeo

Ha sfiorato il record del mondo per 18 decimi. Matteo Zurloni, 20 anni, è la nuova stella nel firmamento azzurro della arrampicata sportiva. Sabato pomeriggio nel corso della prima tappa di Coppa Italia Speed a Brugherio, in Brianza, lo sprinter lombardo ha conquistato il suo nuovo record italiano. Escalation eccezionale, quattro record in sei salite: dal 5”29 in qualifica 5”23 in semifinale e il nuovo primato italiano, l’eccezionale 5”18 ottenuto in finale oggi, a soli 18 decimi di secondo dal record mondiale, che appartiene all’indonesiano Katibin. Euforico il neoprimatista italiano Matteo Zurloni “Vincere in casa è bellissimo, perchè ci sono le persone che mi conoscono al meglio. Mi scalda il cuore averle accanto. Ora mi vederete in Coppa Italia a Faenza". 

Battutto nell’ultima Marco Rontini dell’Esercito che anche lui conquista un argento che vale oro in un pomeriggio da favola. Sul podio arriva infatti dopo aver eliminato ai quarti l’olimpionico Ludovico Fossali e dopo aver superato due volte - c’è voluto infatti agli ottavi lo spareggio - il romagnolo Ludovico Borghi. Il bronzo maschile è per Luca Robbiati della Stone Age che ha vinto la run per il terzo posto battendo Daniele Balestrazzi della Equilibrium, ottimo nei quarti nel testa a testa contro Alessandro Boulos. Nella gara femminile vince e convince Beatrice Colli, anche lei realizzando il record nazionale con un super 7”21.

La stratosferica azzurra delle Fiamme Oro, con l’oro al collo è doppiamente raggiante: “Superfelice di aver fatto il record, in allenamento non andavo al massimo. Ora ho grandissima fiducia per la Coppa del Mondo”. Sul podio donne seconda Andrea Rojas, ottima in qualifica, in maglia Milano Arrampicata e terza la 17enne Sofia Bellesini della Vertik Area Dolomiti. Errori gravi per i due detentori del titolo in carica Gian Luca Zodda negli ottavi di finale e di Giulia Randi nei quarti di finale Nelle squadre vittoria di tappa all’Equilibrium Modena, davanti all’Esercito ed alla società di casa Big Walls ed La grande stagione Speed regala alla federazione un inizio scoppiettante e grandi aspettative nella stagione delle qualificazioni olimpiche. Dopo aver premiato il presidente della Fasi, Davide Battistella racconta: “Oggi è stata una continua emozione, incredibile! Gara eccezionale come i due primati realizzati dai nostri atleti. Il nostro livello è sempre più alto e punteremo in grande nelle gare internazionali. Sono soddisfatto per i tecnici e per il movimento del climbing azzurro. Siamo pronti adesso per la Coppa del Mondo. Una giornata bellissima, indimenticabile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo, il brianzolo che sfiora il record mondiale di arrampicata
MonzaToday è in caricamento