Sport Centro Storico / Piazza Trento Trieste

Razzismo, Scanagatti: "Dovrebbe pagare chi ha fatto i cori"

Il sindaco ha commentato la decisione del giudice sportivo che ha chiesto alla società di pagare una multa di 9mila euro per i cori razzisti contro un attaccante del Rimini

A mostrare delusione per i 9mila euro di multa al Monza Calcio non è solo il presidente della società Armstrong che ha dimostrato di combattere il razzismo tanto da scriverlo persino sulle maglie, ma anche il sindaco della città, Roberto Scanagatti.

“Dovrebbero pagare i responsabili dei cori, non la società che si sta impegnando contro il razzismo”. E’ questo il commento del primo cittadino di Monza dopo la decisione del giudice sportivo di multare il Monza per i cori razzisti indirizzati domenica dalla curva della squadra contro l’attaccante senegalese del Rimini, Ameth Fall.

“La legge che punisce i cori razzisti dovrebbe prevedere la possibilità di multare pesantemente e di allontanare dagli stadi chi si rende responsabile di manifestazioni di disprezzo degli altri per il solo colore della pelle. Così com’è impostata – ha proseguito il sindaco Scanagatti - la norma penalizza unicamente le società sportive, paradossalmente anche quelle, come il Monza, che si stanno impegnando decisamente contro il razzismo con gesti e iniziative concrete, a cominciare dalla rinuncia allo sponsor sulla maglia per far posto alla scritta Stop Racism”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Razzismo, Scanagatti: "Dovrebbe pagare chi ha fatto i cori"

MonzaToday è in caricamento