rotate-mobile

Le rapine violente e le botte, arrestati i ragazzini della baby gang 20061

Sui social si identificavano col Cap della loro città. Tra loro anche un brianzolo, un 17enne residente a Brugherio

Rapine aggravate in concorso, lesioni personali, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, danneggiamento e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Queste le accuse di cui dovranno rispondere a vario titolo tre ragazzini minorenni di 16 e 17 anni di Carugate e Brugherio, italiani, ritenuti responsabili di essere membri di una baby gang.

 L’attività investigativa, condotta dalla Stazione Carabinieri di Carugate, unitamente alla Sezione Operativa della Compagnia di Pioltello e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Milano, trae origine da una rapina avvenuta nella serata del 21 ottobre 2021 a Carugate, allorquando un 33enne, mentre rincasava presso la propria abitazione, era stato avvicinato da tre giovani malviventi che, dopo averlo minacciato e aggredito con pugni al volto, si erano fatti consegnare il telefono cellulare, un paio di cuffie wireless ed un computer portatile, per poi dileguarsi.

Le indagini, eseguite a partire dalla raccolta delle informazioni testimoniali e sviluppatasi attraverso l’ausilio delle telecamere di videosorveglianza di vari esercizi commerciali, nonché i riconoscimenti fotografici da parte delle vittime, suffragati dall’esame dei vari profili social dei responsabili, hanno consentito di individuare un gruppo di giovanissimi (tutti accomunati da un nickname in rete contenente l’identificativo “20061”, corrispondente al C.A.P. del comune di Carugate), tra i quali i tre dediti in maniera sistematica alla commissione di reati contro la persona e contro il patrimonio nel territorio comunale carugatese, posti in essere con particolare efferatezza, tanto da destare particolare allarme sociale.

Video popolari

Le rapine violente e le botte, arrestati i ragazzini della baby gang 20061

MonzaToday è in caricamento