Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Furti in aziende in Brianza e inseguimento: dal furgone lanciano trapani in strada per fuggire

Sei persone sono state fermate grazie a un'indagine condotta dai carabinieri del comando provinciale di Monza

 

Quattro furti in meno di quattro ore e poi la disperata - tanto inutile - fuga lungo la tangenziale Est fino a Milano, lanciando dal furgone trapani e arnesi contro le auto delle forze dell'ordine per guadagnare qualche prezioso istante di vantaggio. Sono sei le persone fermate in seguito a un'operazione condotta dai carabinieri del comando provinciale di Monza e Brianza, accusate a vario titolo di concorso in furti aggravati in danno di aziende e resistenza a pubblico ufficiale. 

Quattro furti in poche ore

Tra le ventuno e mezzanotte e mezza della serata di mercoledì 1 luglio sono stati quattro i furti che la banda - composta da uomini originari dell'Est Europa residenti in campi nomadi milanesi - avrebbe commesso tra Cesano Maderno, Seveso e Nova Milanese ai danni di aziende attive nel settore della meccanica di precisione e nell'arredamento. Sempre la stessa la tacnica: la banda arrivava a bordo di un furgoncino bianco con targa coperta e utilizzando un muletto o mezzi presenti nei depositi si apriva un varco nel capannone riuscendo a portare via arnesi, attrezzi e computer per una refurtiva del valore di circa 30mila euro.

Subito dopo i quattro colpi sulle tracce della banda si sono messi i carabinieri del comando provinciale di Monza e gli uomini della compagnia di Vimercate che hanno intercettato il mezzo in fuga lungo la tangenziale Nord e poi sulla Est dove è scattato un inseguimento che è proseguito fino a Milano, a ridosso del campo nomadi di via Bonfardini.

L'inseguimento sulla tangenziale e i trapani in strada

Il tempestivo intervento di pattuglie in servizio di controllo del territorio dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Stradale di Arcore ha permesso di mettere in fuga i memebri della banda - padre e due figli e altri tre complici, tutti connazionali - che sono stati inseguiti per oltre venti chilometri. Durante la corsa i sei, per tentare di distanziare le forze dell'ordine, hanno lanciato dal furgoncino in corsa arnesi e trapani che sono finiti in strada, rendendo difficoltosa la guida anche ai numerosi automobilisti in transito.

L'inseguimento poi è terminato a ridosso del campo rom di via Bonfadini a Milano dove la banda ha fatto perdere le proprie tracce allontanandosi a piedi e abbandonando la refurtiva e il furgone utilizzato. Grazie alle immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza delle aziende è stato possibile identificare alcuni componenti della banda, già noti ai militari operanti per precedenti specifici e, successivamente, di riconoscerne altri e stabilire la comune matrice dei quattro furti del 1 luglio. I sei sono stati colpiti da fermo di indiziato di delitto e la misura è stata recentemente convalidata.

Maxi intervento con 80 carabinieri 

Sono stati ottanta i carabinieri impiegati in contemporanea per l'esecuzione dei fermi: il blitz è scattato nel parcheggio davanti al centro sportivo “Saini” e nei pressi dell’ortomercato meneghino in diversi camper dove i membri della banda sono soliti vivere con i propri nuclei familiari spostandosi frequentemente. All’atto della notifica dei provvedimenti restrittivi uno dei soggetti destinatari del fermo è risultato destinatario anche di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Bergamo dovendo espiare una pena detentiva di 2 anni 2 mesi e 6 giorni per due furti avvenuti nel dicembre 2016 a Milano e nel luglio 2017 a Chignolo d’Isola, in provincia di Bergamo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento