(nessun video da visualizzare)

Il trucco della spazzatura sull'auto per i furti nei parcheggi: tre ladri fermati a Seveso

Il sacchetto sul parabrezza e il complice che ruba la borsa della vittima. Le immagini

 

Il trucco della spazzatura sul parabrezza per rubare la borsa di una donna nel parcheggio del supermercato. La tecnica è stata messa in atto da tre ladri - una donna e due uomini - a Seveso. A  notare l'intera scena, a inseguire e a far arrestare i tre malviventi ci ha pensato un carabinieri libero dal servizio della stazione di Varedo.

La vittima, una donna di 74 anni che stava caricando la spesa a bordo della sua vettura, si è trovata sul parabrezza dell'auto un sacchetto con dei rifiuti. Prima di andare a buttarlo ha riposto la borsa in macchina e proprio dai sedili della vettura uno dei complici l'ha afferrata con una mossa fulminea. Mentre i tre si impegnavano per fare in modo che il furto filasse liscio però a osservarli a poca distanza c'era un carabiniere, un appuntato libero dal servizio in forze alla stazione di Varedo che ha notato i movimenti sospetti della banda e ha dato l'allarme.

Il trucco della spazzatura sul parabrezza

Dopo aver individuato la vittima da derubare - una donna di 74 anni, sola, appena uscita dal negozio con la spesa nel carrello - i tre malviventi sono passati all'azione. Mentre la signora era intenta a caricare le borse con gli acquisti a bordo, qualcuno ha posato sul parabrezza del mezzo una busta con della spazzatura. Quando la 74enne si è accorta dei rifiuti, ha posato la borsa sul sedile dell'auto per andare a buttare il sacchetto. E proprio in quel momento uno dei ladri è passato all'azione e ha rubato la borsa dal veicolo. 

I malviventi però non sono andati troppo lontano e la fuga della banda è stata subito interrotta dai carabinieri. L'appuntato ha seguito la vettura dei ladri mentre si dirigeva verso un altro parcheggio, forse per colpire ancora e ha dato l'allarme ai colleghi. I ladri sono stati fermati e a bordo del mezzo c'era anche la borsa della donna che nel frattempo si era appena recata dai carabinieri in caserma a sporgere denuncia. Ai tre sono stati sequestrati anche 455 euro in contanti di cui non hanno saputo giustificare la provenienza, forse il bottino frutto della giornata di "lavoro". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento