rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024

Il Papa indossa il grembiule di PizzAut, il sogno monzese arriva al Vaticano

L'incontro

Una pizza, Cantico delle Creature, dedicata al Papa e creata per un incontro unico. E un mare di emozioni che invece non si possono descrivere e che resteranno impresse nel cuore di chi ha incrociato lo sguardo di Papa Francesco e dei ragazzi di Pizzaut

L'incontro con Papa Bergoglio si è tenuto venerdì 1 aprile e vi hanno preso parte Nico Acampora e i suoi ragazzi. Il Papa ha indossato il grembiule di Pizzaut e Nico Acampora ha mostrato al Santo Padre i suoi ragazzi al lavoro. La passione e la dedizione che questi pizzaioli e camerieri speciali mettono in ogni loro azione. Perchè, come più volte raccontato, grazie al lavoro i professionisti di Pizzaut hanno raggiunto un'autonomia che fino a pochi anni fa anche i loro genitori stentavano a credere. E a sperare.

Una giornata che Acampora e i suoi ragazzi certamente non dimenticheranno. All'alba, con il loro truck, hanno raggiunto le mura della città del Vaticano. "Sembra un miracolo - ha dichiarato Nico Acampora durante la diretta Facebook -. Siamo proprio accanto al colonnato di San Pietro. Mi spaventa solo l'idea che possa partire qualche schizzo di pomodoro". I pizzaioli sono arrivati poco dopo e hanno iniziato a preparare le pizze per le persone senza fissa dimora che vivono vicino al colonnato, per risvegliarle con una colazione diversa e speciale, con quella che è stata soprannominata "la pizza più buona della galassia conosciuta" preparata da pizzaioli speciali. 

Poi l'emozionate incontro con il Santo Padre. I ragazzi si sono messi ben presto al lavoro per regalare un pranzo diverso a Papa Bergoglio e ai suoi collaboratori. E per il Papa una pizza dedicata a quella preghiera di San Francesco tanto cara a Bergoglio. Per lui la pizza Cantico delle Creature:  "Amata sorella acqua e farina di grano di terra che tutto sostenta e governa - si legge sulla pagina Facebook di Pizzaut -. Base rossa come il fuoco, raggiante e che ci illumina; mozzarella e patata bianca come la luna...pomodorini pachino gialli e rossi come il sole e le stelle, chiare, preziose e belle; Infine una spolverata dei fratelli vento e tempo... simbolizzati dall'aroma volteggiante di due spezie globali che uniscono i popoli..il pepe nero e la curcuma". 

Nico aveva preparato i suoi ragazzi all'incontro. Francesco, il pizzaiolo, gli aveva confidato il desiderio di dire al Papa di telefonare a Putin e di far smettere la guerra; Lorenzo conosciuto per il suo abbraccio vigoroso aveva fatto le prove per un abbraccio più "delicato". Ma, come per miracolo, tutto è acacduto con grande naturalezza. La stessa che contraddistingue i ragazzi di Pizzaut. 

Video popolari

Il Papa indossa il grembiule di PizzAut, il sogno monzese arriva al Vaticano

MonzaToday è in caricamento