Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini a Sesto: "Islam? Non è una religione integrabile. Controlli alle frontiere subito"

 

Matteo Salvini e la Lega Nord hanno organizzato un presidio a Sesto San Giovanni, in piazza Primo Maggio, dove il 23 dicembre alle tre del mattino è rimasto ucciso il terrorista dell'Isis Anis Amri, ritenuto responsabile della strage di Berlino. Amri era arrivato a Milano dalla Francia in treno e poi a Sesto San Giovanni. "Perché si trovava qui?", ha chiesto Salvini: "O è un matto o c'era un motivo".

Per il segretario della Lega, ora vanno subito ripristinati i controlli alle frontiere. Salvini ha definito l'Italia un Paese "in cui terroristi e delinquenti vanno e vengono senza problemi", ma ha anche lodato le forze dell'ordine italiane, protagoniste dello scontro a fuoco in cui Amri è rimasto ucciso.

Nella notte del 23 dicembre, la volante Alfa Sesto stava pattugliando la zona della stazione ferroviaria quando i due agenti hanno notato un giovane nordafricano fermo davanti alla stazione stessa. Insospettiti hanno deciso di procedere con il controllo. Il giovane, che ha dichiarato di non avere con sé i documenti, è stato invitato a svuotare lo zaino: in quel momento ha estratto una pistola carica e ha sparato all'indirizzo di Christian Movio, il capo pattuglia, ferendolo. Movio ha risposto al fuoco e Amri si è nascosto dietro una vettura: Luca Scatà, agente in prova, lo ha raggiunto e colpito mortalmente al torace.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento