Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sasso contro auto in corsa, tentata truffa in strada a Monza

L'auto precede il veicolo della vittima e poi accosta. All'improvviso un rumore sordo sulla carrozzeria

 

L'auto che viaggia davanti, a pochi metri di distanza e poi accosta. Si ferma sul lato della carreggiata, non perfettamente allineata con gli altri veicoli, quel tanto che basta per improvvisare subito una nuova partenza al momento giusto. Poi il "botto". 

Un sasso lanciato all'improvviso a colpo sicuro contro il veicolo dietro e poi il finto incidente, con i malintenzionati che puntano a far credere alla vittima di aver urtato lo specchietto o la fiancata della propria auto inavvertitamente passando a una distanza troppo ravvicinata. Un copione ormai abusato, andato in scena troppe volte anche sulle strade della Brianza.

Questa volta è successo a Monza nella mattinata di martedì 18 agosto. A riprendere l'intera scena però è stata inconsapevolmente la stessa vittima con un dispositivo in uso sul veicolo. R., monzese che preferisce restare anonimo, percorreva a bordo della sua auto via Borgazzi in direzione della tangenziale Nord. Davanti a lui viaggiava una Toyota Yaris verde. A un certo punto accosta e quando il veicolo di R. passa accanto all'auto ecco un rumore sordo contro la carrozzeria. Un sasso lanciato in direzione dell'auto. 

Ai truffatori però questa volta è andata male perchè il raggiro è fallito. "Dal lato passeggero è uscito un individuo che mi ha lanciato un sasso contro la vettura e nel filmato si sente anche chiaramente il tonfo. Ho immediatamente pensato certamente ad un tentativo di truffa, furto, rapina" racconta la vittima.

"Mi sono fermato dopo circa 200 metri, i delinquenti si sono avvicinati dietro di me ma ho preso il telefono in mano e quindi sono ripartiti superandomi e credendo stessi chiamando le forze dell'ordine". R. ha dichiarato di aver informato dell'accaduto la polizia locale e di aver fornito agli agenti i dati di cui era in possesso. Ancora troppe purtroppo le segnalazioni relative a truffe non solo in città ma anche in Brianza.

sasso truffa-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento