Sputi e salti sulle auto dei carabinieri: la follia del trapper per lanciare il suo ultimo singolo

Il giovane, un 22enne monzese, ha ripreso il suo "show" e ha postato il video su Instagram

Salti sulle macchine e una bevanda rovesciata sul parabrezza, con ogni probabilità una birra. Poi, in un crescendo di vandalismo e gesti insensati, altri due salti su una seconda vettura e uno sputo dedicato - ipse dixit - alle "merde delle merde". 

Follia nei giorni scorsi in pieno centro a Napoli, in via Mario Morgantini, teatro del personalissimo spettacolo di un trapper 22enne di Monza. Il giovane, in trasferta nel capoluogo partenopeo, ha pensato bene di mettere nel mirino le auto dei carabinieri e, dopo essersi fatto filmare da un amico, ha postato il video sul suo profilo Instagram, dove le immagini hanno già raggiunto quasi 50mila visualizzazioni. 

VIDEO | L'ultima follia del trapper lombardo

La clip è decisamente chiara: si vede "l'artista" che sale sul veicolo urlando "è ora di attaccare la Nazione stessa, non me ne frega niente, pezzi di merda" per poi rovesciare il contenuto di una lattina. Quindi, il ragazzo fa lo stesso con un'altra auto e grida: "Non metti un selvaggio in gabbia, è la nuova cazzo di legge ragà... tengo cocaina nelle sox", che è un rimando al suo ultimo singolo, che lui stesso sta evidentemente pubblicizzando così. A chiudere il video è uno sputo sull'auto dei carabinieri, accompagnato dalla frase: "Merde de merde". 

Nelle stories, il trapper - che era già finito nei guai per aver minacciato Vittorio Brumotti di Striscia la Notizia - ha poi aggiunto: "Pisciamo sopra la giustizia, fanculo le guardie che hanno fatto irruzione in camera mia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A segnalare le immagini alle autorità è stata Fabiola Minoletti, vicepresidente del coordinamento dei comitati milanesi e sempre molto attenta ai fenomeni di vandalismo che si diffondono sui social. "Dai selfie con le auto delle forze dell'ordine a video che documentano il vandalismo contro le stesse, è una escalation preoccupante soprattutto perché il video ha rimbalzato su Instagram tra i ragazzi di tutta Italia suscitando consensi - le sue parole -. Quindi ancora una volta il mal utilizzo dei social diventa un mezzo che dà risalto a comportamenti devianti e di pericolose emulazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, a Monza e Brianza 2.462 casi di Covid-19: 100 in più in un giorno

  • Monza, fingono di fare la spesa insieme per vedersi: scatta la maxi multa

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

  • Monza, città "silenziosa e deserta" nelle immagini riprese dal drone

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Monza e in Lombardia: le prime previsioni

Torna su
MonzaToday è in caricamento