Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raid punitivo in stazione dopo rimprovero durante Dad: in 9 ne massacrano 3. Il video

I tre sono finiti in ospedale, con prognosi di 10 e 20 giorni. Uno di loro è stato pure rapinato della propria bicicletta, durante il blitz

 

Non poteva sopportare l'onta di essere stato rimproverato da un compagno davanti al resto della classe durante le lezioni con la Didattica a distanza imposta dal covid (Dad). Perciò, insieme ai suoi amici di scorribande, ha deciso di vendicarsi a modo suo. Nel pomeriggio dell'8 dicembre, ha guidato altri otto ragazzini da Milano fino a Paderno Dugnano, dove ha massacrato il compagno 'colpevole' e altri due suoi amici che hanno provato a difenderlo. Ora sono stati individuati tutti e nove e denunciati.

A ricostruire la storia sono gli uomini del Comando provinciale dei carabinieri. Stando a quanto accertato, la sete di vendetta è nata dopo che uno studente si è 'permesso' di redarguire il compagno perché durante una lezione tenuta in modalità Dad, infastidiva con il proprio comportamento il resto della classe, impegnata a seguire la spiegazione del professore.

Così, la 'vittima' di quel rimprovero, ha pensato di fargliela pagare. Dopo aver 'raccolto' un nutrito gruppo di fedelissimi, tutti minorenni, sono partiti dai quartieri Affori Comasina di Milano verso Paderno. Per completare la loro spedizione punitiva i nove giovanissimi hanno viaggiato in treno. Una volta in 'territorio nemico', contro il povero studente si sono scagliati tutti e nove con calci e pugni. La stessa sorte è toccata a due suoi amici intervenuti in sua difesa. I tre sono finiti in ospedale, con prognosi di 10 e 20 giorni. Uno di loro è stato pure rapinato della propria bicicletta, durante il blitz (la rapina è evidente nel video).

Le indagini immediate dei carabinieri di Paderno Dugnano, d'intesa con la Procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni, hanno permesso di individuare e raggiungere ad uno ad uno i membri della baby gang. Un fondamentale aiuto è arrivato dalle registrazioni dei sistemi di video sorveglianza dell'intera area della stazione ferroviaria di Paderno Dugnano. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento