Coronavirus

Variante covid inglese: primi due casi in Lombardia

Sia nel primo caso, segnalato nel Varesotto, ad Arsago Seprio, che nel secondo si tratta di passeggeri arrivati all'aeroporto Milano Malpensa nei giorni scorsi

Immagine repertorio

Un primo caso di coronavirus nella sua 'variante inglese' è stato segnalato in Lombardia. Si tratta di una persona residente ad Arsago Seprio, nel Varesotto. A comunicarlo è stato il sindaco del paese, Fabio Montagnoli. Un secondo caso, indipendente da questo, è stato poi annunciato da Ats Insubria al Policlinico San Matteo di Pavia.

"Il direttore di Ats, in questo momento, mi ha comunicato di aver riscontrato nel nostro comune il primo caso di variante inglese del Covid nella nostra provincia - ha scritto il primo cittadino sulla pagina Facebook del Comune -. La persona proveniente dal Regno Unito è al domicilio isolata e non ha avuto contatti con altre persone". La seconda persona infetta non sarebbe entrata in contatto con il cittadino del Varesotto, è quindi al momento escluso che ci sia un focolaio.

Secondo quanto emerso, il primo contagiato sarebbe un dipendente di una compagnia aerea proveniente dalla Gran Bretagna e, come il secondo sarebbe atterratto all'aeroporto di Milano Malpensa nei giorni scorsi. Per entrambi i casi, che sono stati subito isolati, è partito il tracciamento.

Variante inglese del covid cos'è

Nei giorni scorsi il governatore lombardo Attilio Fontana aveva rassicurato i cittadini dopo la notizia di alcuni casi della variante inglese del covid in Italia: “Da quello che si legge e dalle prime dichiarazioni degli esperti, la variazione non incide né sulla gravità della malattia né sulla possibilità di utilizzare i vaccini. Noi come Regione Lombardia ci siamo subito attrezzati per individuare il virus modificato".

La “variante inglese” è caratterizzata da una combinazione di delezioni (assenza di piccoli pezzi di genoma virale) e di mutazioni nella proteina S (degli spikes) che la rendono unica all’interno del panorama delle tante varianti che circolano nel mondo in questo momento.Il primo a dare l'allarme sulla situazione era stato il premier britannico Boris Johnson, il quale aveva avvertito che la variante mutata del coronavirus ha una trasmissibilità molto maggiore, del 70% in più.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante covid inglese: primi due casi in Lombardia

MonzaToday è in caricamento