menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La stanza degli abbracci della Rsa di Catelfranco Veneto - Foto Ansa/Max Cavallari

La stanza degli abbracci della Rsa di Catelfranco Veneto - Foto Ansa/Max Cavallari

Stanze degli abbracci e tamponi rapidi: così gli anziani delle Rsa potranno rivedere i loro cari

Il consiglio regionale approva un ordine del giorno proposto dal Pd. Così "riaprono" le Rsa

Di nuovo insieme. Di nuovo vicini. E in sicurezza. Il consiglio regionale della Lombardia mercoledì pomeriggio ha approvato un ordine del giorno proposto dal consigliere Pd Carlo Borghetti che in sostanza chiedeva di riaprire le porte delle Rsd, le residenze sanitarie per disabili, e le Rsa, le residenze sanitarie assistenziali per anziani, quelle strutture che hanno già pagato un prezzo altissimo all'epidemia di coronavirus. 

Il Pirellone si è così impegnato a dare delle linee di indirizzo per assicurare la possibilità di visite in presenza. Due le strade più percorribili: test rapidi per gli ospiti e la creazione - come già chiesto nelle settimane passate - di stanze degli abbracci, delle camere "sterili" in cui anziani e propri cari possono tornare al contatto umano. 

“Lo considero un regalo di Natale alle famiglie, vista la situazione attuale: Regione Lombardia potrà dare il via libera alle Rsa affinché aprano alle visite dei parenti degli ospiti”, il commento di un felice Borghetti. “Con il nostro ordine del giorno la Regione dovrà ‘dare indirizzo’ alle strutture protette della Lombardia di riaprire alle visite dei parenti, in sicurezza, utilizzando i tamponi rapidi e implementando così le linee guida che il Ministero della Salute ha emanato solo poche ore fa”, ha aggiunto l'esponente Pd.

Gioia anche nelle parole di Silvia Roggiani, segretaria metropolitana del partito democratico meneghino, che parla di tamponi rapidi e sottolinea che "nello specifico si potranno predisporre anche le cosiddette stanze degli abbracci, ovvero dei luoghi dove potersi incontrare e abbracciare in modo sicuro, come raccomandato proprio oggi da una circolare del Ministero della Salute". È - ha concluso - "na bellissima notizia per chi, finalmente, potrà ricongiungersi con i propri cari dopo mesi di dolorosa lontananza".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

L'Iss elenca uno a uno tutti gli errori della Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento