menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I rapporti tra genitori e insegnanti non sono sempre idilliaci

A volte si tratta di una vera e propria guerra che scoppia tra l'istituzione, quindi la scuola, e la sfera sociale, ovvero la famiglia. A farne le spese sono gli studenti

“L’educazione è il grande motore dello sviluppo personale. È grazie all’educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera il presidente di una grande nazione. Non ciò che ci viene dato, ma la capacità di valorizzare al meglio ciò che abbiamo è ciò che distingue una persona dall’altra”. E’ questa l’idea che il premio Nobel per la pace Nelson Mandela aveva dell’educazione.

Tra sfera sociale e ruolo istituzionale

Ed è questo il concetto base intorno cui ruota l’intera filosofia scolastica che ha diversi protagonisti, gli alunni ovviamente, i genitori e gli insegnanti. Spesso però questi ultimi due attori, genitori e insegnanti, sono in contrasto tra loro. Il più delle volte si può parlare di una vera e propria guerra dove entrambi i protagonisti difendono la loro sfera sociale, o se vogliamo il loro ruolo istituzionale. Da un lato la funzione di genitore e quindi della famiglia come primo nucleo della società; dall’altro invece la funzione di docente, ovvero di colui che nella vita di un individuo ricopre un ruolo importantissimo perché immediatamente successivo a quello del genitore. In entrambi i casi l’obiettivo è il bene dello studente ma questa guerra porta davvero dei benefici al percorso educativo dei ragazzi? Non è sempre così.

La guerra tra genitori e insegnanti

E non è così soprattutto quando c’è un sopravvento da parte di una delle due figure che sbilancia il rapporto e innesca quindi un corto circuito nel processo educativo. La cronaca ci racconta episodi fin troppo violenti in cui i genitori aggrediscono i professori. In questi casi il ruolo del docente viene delegittimato anche agli occhi del ragazzo che non riconoscerà più nell’insegnante l’autorevolezza che gli spetta.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento