Volley

Euro2023 donne, sale l'attesa per l'esordio dell'Italia a Monza

Dopo il netto successo all'esordio a Verona per le azzurre si prospetta il doppio impegno all'Arena contro Svizzera e Bulgaria. Le parole dei protagonisti alla vigilia

L'Italia non intende fermarsi: dopo il chiaro e netto successo all'esordio contro la Romania nel suggestivo scenario dell'Arena di Verona, è tempo di tornare a giocare in un palazzetto vero. Sarà l'Arena ad ospitare le gare della pool B, tra cui quelle delle campionesse in carica, per le quali monta una grande attesa. 

L'esordio nel catino monzese è previsto per domani sera alle 21 contro la Svizzera, mentre sabato allo stesso orario ci sarà la sfida alla Bulgaria.

Le dichiarazioni della vigilia

La giornata odierna è stata quella riservata al media meeting, che si è tenuto all'Euro Hotel Residence di Concorezzo. Hanno parlato alcuni dei protagonisti più attesi di questa due giorni di partite.

La prima è Alessia Orro, che a Monza è di casa: "A Verona è stata una serata magica, ci avevano detto che lo sport era vietato all’interno e che l’ultimo evento sportivo tenutosi lì fu una partita di volley 35 anni fa. È stato un qualcosa di storico che un giorno potrò raccontare ai miei nipoti perché posso affermare di aver preso parte a qualcosa di davvero pazzesco. Da domani giocheremo a Monza che è un po’ casa mia visto che sono qui da 4 anni. Sono felicissima di scendere in campo con la maglia della nazionale proprio qui. Adesso però dobbiamo studiare le avversarie bene anche se più in generale posso dire che dovremo essere concentrate soprattutto nell’esprimere al meglio il nostro gioco. L’obiettivo adesso è quello di crescere passo dopo passo per trovare, verso la fine, l’equilibrio giusto per mettere in campo tutto il nostro potenziale".

Poi Anna Danesi, che fino a due stagioni fa ha calcato questo taraflex prima del trasferimento a Novara: "La partita di Verona è stata semplicemente unica. Credo che sia abbastanza normale che in tanti abbiano guardato più il contesto che la partita in sé. Voglio ancora una volta ringraziare chi ci ha dato la possibilità di scendere in campo all’Arena, un sentimento che va ben oltre la partita. Giocando in Italia tutto l’Europeo il pubblico sarà chiaramente l’ottavo uomo in campo, mentre noi dovremo dare il 100% per crescere sia da un punto di vista fisico che tecnico senza disdegnare il divertimento in campo".

Infine il ct Davide Mazzanti: "La partita di Verona è stata diversa da tutte le altre perché per la prima volta noi siamo stati la cornice di un qualcosa di straordinario. È stato emozionante, uno spettacolo nello spettacolo che ci porteremo dentro ai nostri ricordi e sono felice che tutte le ragazze siano scese in campo per godersi quello spettacolo. Adesso torniamo a giocare in un ambiente usuale, due partite consecutive da gestire anche dal punto di vista fisico. Credo che la mia valutazione circa quello che siamo e dovremo fare inizierà dalla partita di domani con la Svizzera". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euro2023 donne, sale l'attesa per l'esordio dell'Italia a Monza
MonzaToday è in caricamento