Laboratorio "bunker" scoperto a Monza: 23 letti in pochissimi metri e quattro clandestini

I controlli della Guardia di Finanza sono scattati dopo il ritrovamento di un furgone con capi contraffatti

Immagine di repertorio

Un furgone con a bordo magliette sportive contraffatte e un laboratorio "bunker" con 23 posti letto in settanta metriquadrati di spazio. Questa la scoperta fatta a Monza dalle Fiamme Gialle della Guardia di Finanza di Treviglio durante una operazione sul territorio che ha portato a sequestrare oltre 400 capi di abbigliamento e denunciare sette persone, tutti cittadini di nazionalità cinese. 

I controlli

I controlli sono scatttati quando il personale in divisa ha effettuato un accertamento a bordo di un furgone condotto da cittadini di nazionalità cinese, regolari sul territorio, risultato carico di merce contraffatta. All’interno del mezzo sono stati rinvenuti numerosi capi di abbigliamento sportivo (tra cui magliette, pantaloncini, sciarpe) riportanti i colori sociali ed i loghi di note squadre calcistiche, nazionali ed estere, nonché i nomi di famosi calciatori, tutti riprodotti in assenza dei necessari titoli autorizzativi.

16015_DSC_0083 (1)-2

Dai documenti a bordo del mezzo le Fiamme Gialle sono riuscite a risalire a due imprese di produzione della merce, entrambe situate nella bergamasca per cui una terza ditta, intestata a una dei due cittadini controllati e situata a Monza, lavorava i capi.

Appartamento e laboratorio a Monza

Proprio qui, durante le perquisizioni nel laboratorio e nell’appartamento ad esso attiguo sono stati sequestrati ulteriori capi di abbigliamento contraffatti. La vera scoperta però è stata un'altra: nei locali di Monza sono stati identificati 15 soggetti di nazionalità cinese di cui 4 clandestini stipati ina abitazione di circa 70 metriquadrati dove erano presenti 23 posti letto.

L’evidente stato di degrado e le scarse condizioni igieniche del laboratorio e dell’appartamento ha costretto i militari a richiedere l’intervento sul posto di personale dell’A.T.S. brianzola, anche per la verifica degli aspetti inerenti la prevenzione e la sicurezza degli ambienti di lavoro.

In tutto sono stati sequestrati oltre 400 capi di abbigliamento: tre persone sono state denunciate per l’ipotesi di reato di contraffazione, alterazione e uso di marchi o segni distintivi e per quattro soggetti di nazionalità cinese, risultati clandestini, è scattata una denuncia per l’ipotesi di reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento