Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Pistole e revolver nascosti sotto la vasca da bagno: 38 armi a casa dell'ex imbianchino

Nella villetta di Cinisello Balsamo dove l'uomo, insospettabile, viveva insieme alla moglie è stato scoperto un vero e proprio arsenale

Revolver, pistole, un fucile, armi lunghe, cartucce e un silenziatore. Un vero e proprio arsenale, con 33 armi. Questo quello che un insospettabile ex imbianchino di 69 anni nascondeva nella sua casa di Cinisello Balsamo, una villetta su tre piani in via San Francesco d'Assisi.

Nella sua abitazione giovedì pomeriggio si sono presentati gli agenti della Squadra Mobile di Milano: l'uomo, Antonio Vicino, originario di Gela ma da anni residente nel comune milanese alle porte della Brianza, è stato bloccato mentre usciva di casa con la moglie (estranea ai fatti).

Apparentemente insospettabile, ormai pensionato, Vicino ha una sola denuncia alle spalle per minaccia e ingiuria che gli era costata il ritiro del porto d'armi. Il 69enne ora è stato fermato con le accuse di detenzione di arma comune da sparo, detenzione di arma da guerra e detenzione di arma clandestina. Nonostante il 69enne abbia dichiarato di essere un "collezionista", il sospetto degli inquirenti è che possa essere un "custode" e che le armi potessero essere nella sua casa per conto di altri.

Nella villetta i poliziotti hanno trovato tredici revoler, quindici pistole e dieci armi lunghe, oltre a 3.420 munizioni e alcuni silenziatori.  La maggior parte di queste - tra cui un fucile svizzero da guerra lungo un metro - era nascosta in un vano ricavato sotto la vasca, nel bagno al piano terra. Altre armi - alcune senza matricola, altre con la matricola abrasa - sono poi state trovate in un armadio nella tavernetta. Nell'intercapedine tra due mobili nello studio, invece, gli uomini della Mobile hanno sequestrato 49mila e 500 euro in contanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pistole e revolver nascosti sotto la vasca da bagno: 38 armi a casa dell'ex imbianchino

MonzaToday è in caricamento