Strada chiusa e zero vie di fuga: pusher arrestati in un’imboscata

Venerdì sera i carabinieri di Desio sono riusciti ad arrestare due pericolosi spacciatori. “Spettacolare” l’operazione dei militari che hanno chiuso una strada e hanno inseguito i due pusher, bloccandoli. Tutti i dettagli

In manette due pusher - FOTO REPERTORIO

Per fuggire erano pronti a tutto. Tanto da andare in giro su una potente auto con motore turbo a benzina. Tanto da non arrendersi neanche quando erano ormai circondati. Purtroppo per loro, però, non avevano fatto i conti con la furbizia dei carabinieri dell’aliquota radiomobile di Desio che, con un’operazione da film, li hanno incastrati e arrestati. 

Altro colpo dei militari della compagnia brianzola nella lotta allo spaccio nell’area circostante il parco delle Groane. Venerdì sera gli uomini dell’arma sono riusciti finalmente a mettere le mani su T.J., ventottenne straniero, e N.A., trentacinquenne anche lui straniero, clandestini in Italia e pluripregiudicati per reati legati allo spaccio. 

I carabinieri, dopo un periodo di osservazione, hanno scoperto che i due erano i responsabili di un giro di spaccio di cocaina che aveva il suo centro in via Milano a Ceriano Laghetto. Così, dopo appostamenti e indagini, venerdì i militari hanno fatto scattare l’operazione. 

Vista l’auto dei pusher arrivare al solito posto, gli uomini della radiomobile hanno chiuso la via al traffico e sono entrati in azione. Dopo aver capito di essere finiti in trappola, i due pusher hanno cercato di scappare in auto in retromarcia, ma sono stati bloccati da una gazzella dei carabinieri prontamente arrivata sul posto.

A quel punto, gli spacciatori hanno cercato di fuggire a piedi e, una volta raggiunti, hanno aggredito i militari per tentare l’estremo tentativo di fuga. 

Non senza fatica, i carabinieri sono riusciti a bloccarli, identificarli e perquisirli. Addosso ai due spacciatori, gli uomini dell’arma hanno trovato cocaina, trecento euro in contanti e un telefono a testa. Numerosi i precedenti a carico dei due: uno di loro aveva iniziato la carriera criminale addirittura dieci anni fa, quando era stato arrestato nell’ambito di un’indagine per il contrasto allo spaccio e ai furti. 

In più, i militari hanno accertato che il titolare dell’auto a bordo della quale viaggiavano i due pusher è un italiano, che risulta proprietario di oltre cento veicoli. La sua posizione è ora al vaglio degli inquirenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli spacciatori, invece, saranno processati sabato per direttissima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento