Da mesi perseguita la ex compagna, 57enne di Desio in carcere

I carabinieri martedì hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare disposta dal gip del Tribunale di Monza: la loro relazione era terminata a dicembre e da allora l'uomo non aveva lasciato più pace alla donna

Dopo mesi di telefonate a tutte le ore, minacce, violenze e botte può finalmente provare a lasciarsi tutto alle spalle.

La vittima e il suo persecutore ora sono ora a chilometri di distanza, uno in cella, a Monza, su ordine del gip del Tribunale di Monza che ne ha disposto la custodia cautelare in carcere e la donna in casa propria, a provare a voltare pagina.

Si tratta dell'ennesimo episodio di stalking e persecuzione che si è consumato in Brianza: da dicembre, quando era finita la relazione durata un paio d'anni tra un uomo di 57 anni di Desio, residente a Cesano Maderno, e una donna 38enne, lui era diventato il suo peggiore incubo. La morbosa gelosia non l'aveva abbandonato nemmeno dopo il distacco da lei e il sentimento malato era cresciuto sempre più caricandosi anche di rabbia e violenza.

Per mesi la donna ha dovuto subire le sue incursioni a tutte le ore, le scenate terminate in litigi, le botte, le minacce e le telefonate.

In una sola giornata il 57enne aveva alzato il telefono 134 volte per comporre il numero di lei e la sua insistenza purtroppo non si era limitata alle parole: la donna ha raccontato agli inquirenti, che da tempo sono al lavoro per l'indagine che vede coinvolto il desiano, che addirittura in un'occasione l'uomo era arrivato a fratturarle un dito per la violenza con cui l'aveva colpita.

A partire dalle numerose denunce presentate nel tempo dalla donna sono partiti una serie di accertamenti da parte dei carabinieri della compagnia di Desio che hanno condotto l'indagine e dato esecuzione martedì sera alla misura cautelare in carcere disposta dal giudice per le indagini preliminari Gerosa del Tribunale di Monza. 

L'uomo dovrà rispondere ora delle accuse di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, violenza sessuale, ingiurie e atti persecutori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento