Imprenditore "nullatenente" con un caveau segreto: la scoperta della Guardia di Finanza

Un 46enne di Mezzago è finito nella rete delle Fiamme Gialle che hanno scoperto come l'uomo, nonostante avesse un'attività, sia rimasto sconosciuto al fisco per anni, senza versare un euro di tasse. Il suo tesoro del valore di un milione e 400mila euro era nascosto in un caveau in un ristorante

Il denaro sequestrato dalla Guardia di Finanza

Nullatenente sulla carta ma con un caveau segreto tenuto al sicuro con dentro banconote per un milione e 400mila euro.

Nella rete della Guardia di Finanza è finito un imprenditore 46enne di Mezzago che nonostante fosse titolare di un'attività nella bergamasca aveva attuato negli anni una serie di accorgimenti per sfuggire al fisco e al pagamento delle imposte, a partire dall'intestazione della società alla madre sessantottenne, ora indagata come sua complice.

Al ricco nullatenente le Fiamme Gialle sono arrivate grazie alla segnalazione di un istututo di credito insospettito dalla grossa mobilotazione di denaro sospetto attuata dall'uomo: sono così scattati gli accertamenti che hanno passato al setaccio prima l'attività dell'imprenditore e poi il suo patrimonio immobiliare.

Le indagini della Guardia di Finanza del Gruppo di Monza coordinate dalla Procura del capoluogo brianzolo hanno portato alla luce diverse anomalie nella gestione degli affari: la ditta di Mezzago non aveva i conti in regola e le dichiarazioni fiscali non risultavano essere state presentate con un milione di tasse mai pagate.

A carico del 46enne, che ha alle spalle diverse condanne per bancarotta fraudolenta e altri reati fiscali, e della madre è stato aperto un procedimento. Intanto gli accertamenti patrimoniali hanno consentito di sequestrare beni immobili a Trezzo sull'Adda intestati alla moglie dell'imprenditore, in regime di separazione dei beni, per un valore di 450mila euro.

Ma la scoperta più significativa da parte delle Fiamme Gialle è stata fatta all'interno di un ristorante di Vaprio d'Adda nel corso di una perquisizione di controllo in tutte le realtà aziendali riconducibili all'uomo. Qui, nel seminterrato del locale, dietro l'ascensore, accessibile tramite un pulsante, era stato ricavato un caveu segreto con all'interno un vero e proprio tesoro: custoditi sotto terra c'erano contanti per un milione e 400mila euro per un titale di 54mila banconote di piccolo taglio. 

Nei confronti del soggetto "recidivo e fiscalmente pericoloso" sono stati aperti due diversi procedimenti a Milano e a Monza ed è stata adottata una misura di sequestro preventivo: l'uomo nel corso degli anni oltre a non aver pagato le imposte non ha nemmeno mai versato un contributo ai dipendenti. E' stata sequestrata l'intera cifra rinvenuta e tutti gli immobili nella disponibilità dell'imprenditore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

soldi1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento