menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Adescava ragazzini su Facebook con falsi account per avere scatti osceni: 40enne va in carcere

Nel computer dell'uomo, incensurato, era stato trovato materiale pedopornografico. A scoprire e denunciare il 40enne era stata la compagna

Nel suo computer nascondeva grandi quantità di materiale pedopornografico. Immagini e video di minorenni, maschi e femmine, in età adolescenziale, che contattava con finti account di Facebook. Un reato che ha portato un 40enne di Limbiate, incensurato, dritto in carcere.

L’uomo è stato condannato a un anno e sette mesi di reclusione e ora si trova nella casa circondariale del capoluogo brianzolo dopo che i carabinieri di Desio lo hanno prelevato per dare esecuzione all'ordine di carcerazione. Quattro anni fa la denuncia, presentata dalla ex compagna, che aveva scoperto il segreto che si è poi rivelato un disturbo di natura sessuale e un reato.

Per fortuna l’uomo non aveva mai avuto incontri con le minori, ma le contattava con falsi account per riuscire a impossessarsi di loro immagini e video, con l’inganno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Nel parco di Monza fiorisce l'aglio orsino: tutte le curiosità

  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento