La picchia e le getta acqua bollente addosso: arrestato un 44enne

La violenza dalle mura domestiche dove più volte si era consumata domenica sera è sfociata in strada. Un automobilista che ha visto la donna scappare ha chiamato i carabinieri

L'uomo ha opposto resistenza e si è barricato in casa

Non ha mai denunciato i maltrattamenti e per mesi ha seppellito la violenza che il compagno le riservava nel silenzio e nelle lacrime.

Domenica sera l’ennesimo episodio che, però, si è consumato in strada.

Teatro della scena è stata l’abitazione dove l’uomo, un 44enne di origini siciliane, pregiudicato, risiedeva insieme alla donna, di nazionalità bulgara di 40 anni, in via Cascina Fidelina a Carugate.

Il dramma familiare dalle mura domestiche è poi sfociato in strada: la donna è fuggita dall’abitazione dopo che l’uomo le ha gettato addosso una pentola di acqua bollente dopo averla picchiata.

La scena non è passata inosservata a un automobilista che passava per strada che ha subito allertato il 112 rendendo necessario l’intervento di una pattuglia.

Al momento dell’arrivo dei carabinieri l’uomo si è barricato in casa e, nonostante i tentativi delle forze dell’ordine di entrare, ha opposto resistenza minacciando il suicidio dal balcone e colpendo la scala mobile con cui i vigili del fuoco intervenuti cercavano di raggiungerlo.

Una scena assurda che si è conclusa con l’arresto dell’uomo per maltrattamenti e violenza in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

Per la donna, portata via da un’ambulanza,  la prognosi è di 21 giorni per contusioni multiple e ustioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento