Arrestato per spaccio: condannato e rimandato a casa

Un 47enne di origini tunisine è stato condannato a nove mesi per direttissima per spaccio. Poche ore dopo la condanna è stato rimesso in libertà

L'uomo aveva tre involucri di cocaina in tasca (foto repertorio)

Tutto nello stesso giorno. La condanna durante la mattina e il ritorno a casa nel pomeriggio. E' già in libertà il quarantasettenne di origini marocchine arrestato lunedì sera dai carabinieri di Giussano per spaccio. 

L'uomo, racconta "Il Giorno", aveva attirato l'attenzione dei carabinieri perché si aggirava con fare sospetto in via Nenni. Gli agenti lo avevano fermato e perquisito e in tasca gli avevano trovato tre involucri di cocaina e sessantacinque euro, probabilmente frutto della spaccio. 

I militari dell’Arma di Seregno sono poi andati nell’abitazione del quarantasettenne, a Biassono, dove hanno scoperto un bilancino elettronico di precisione e altri 790 euro in contanti, anche questi con ogni probabilità guadagnati spacciando. 

Martedì mattina l'uomo è stato processato per direttissima ed è stato condannato a nove mesi di reclusione, più una multa di duemila euro. Poche ore dopo, però, il tunisino - incensurato - è stato rimesso in libertà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento