Ancora guai per Luca Lucci: la polizia confisca i beni del capo ultras del Milan

L'operazione è scattata all'alba, il capo ultras è stato sottoposto a sorveglianza speciale

Luca Lucci in mezzo ai tifosi nella foto di una pubblicità

Gli agenti della questura di Milano hanno confiscato i beni di Luca Lucci, capo-ultras del Milan, leader della "Curva Sud" e finito in passato nei guai per traffico di droga

La confisca e la sottoposizione alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, eseguite nelle prime ore di martedì 21 luglio dai poliziotti della divisione anticrimine, seguono il sequestro dei beni, avvenuto il 24 giugno 2019.

Chi è Luca Lucci

Luca Lucci, 38 anni, sulla carta è un elettricista ma secondo la questura avrebbe accumulato il suo tesoro attraverso attività illecite. Il capo ultras del Milan era finito nei guai per un traffico di droga, nel 2018 era stato arrestato con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti e aveva patteggiato un anno e sei mesi di pena. Era salito agli onori della cronaca nel dicembre del 2018 quando durante la festa degli ultras rossoneri era stato fotografato con Matteo Salvini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento