Contro la sosta selvaggia a Lissone arrivano i "dissuasori"

I divieti di sosta e i passi carrai spesso non bastano: arrivano i paletti per impedire fisicamente il parcheggio nei pressi dei varchi carrabili e per agevolare l'uscita dagli spazi privati

Contro la sosta selvaggia e i parcheggi davanti a passi carrai che impediscono ai proprietari il libero accesso alla propria abitazione e la libertà di movimento il comune di Lissone ha trovato una soluzione.

I cittadini che lo vorranno potranno da ora fare richiesta per l’installazione di “dissuasori” di sosta. L’iniziativa, assunta dal comando di polizia locale, prevede la richiesta di installazione di paletti per impedire fisicamente il parcheggio nei pressi dei varchi carrabili e specchi parabolici e per agevolare l’uscita dagli spazi privati.

L’intervento è stato predisposto in seguito alle continue segnalazioni che arrivano agli uffici comunali per lamentare il mancato rispetto dei cartelli e alle richieste di intervento ai vigili urbani: i cartelli di divieto di sosta infatti non sono spesso sufficienti a garantire comportamenti corretti e la Polizia locale non può essere presente fisicamente ovunque a tutte le ore del giorno.

Per avviare la richiesta di installazione dei dissuasori di sosta, il cui costo sarà a carico del cittadino a meno che la misura viabilistica non sia di interesse collettivo, bisogna compilare la domanda sugli appositi moduli (scaricabili anche dal sito istituzionale) e consegnarli allo sportello della Polizia locale corredati da uno schema e foto del luogo dove si richiede di posizionare i manufatti e dalle necessarie marche da bollo. Gli addetti comunali esamineranno il caso, anche con un’ispezione in loco, e – se sussistono le condizioni prescritte dal Codice della strada – daranno l’autorizzazione alla messa in opera.

La stessa procedura è prevista anche per la sistemazione di protezioni sul marciapiede, un provvedimento spesso richiesto dagli esercizi commerciali per tutelare la sicurezza degli avventori che escono dai negozi. I dissuasori saranno molto semplici: si tratta di tubi cilindrici in plastica nera con catarifrangente bianco e con base flessibile così da non costituire pericolo per la sicurezza in caso di urto soprattutto da parte di ciclisti e motociclisti – come avviene invece nel caso dei classici "panettoni" (che saranno definitivamente banditi dalle sedi di circolazione) o di altri paletti in metallo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Concorso di Natale Esselunga: in palio 104mila spumanti e 156mila buoni spesa

Torna su
MonzaToday è in caricamento