Cronaca

Maxi operazione antidroga in Lombardia: arresti anche a Monza

Sono 17 le ordinanze di custodia cautelare eseguite in diverse province lombarde. Sgominata una vera e propria organizzazione paramilitare. Tutto faceva capo al boss Gaetano Fidanzati

MONZA - Una maxi operazione antidroga del comando provinciale di Milano ha portato la scorsa notte, all'esecuzione di 17 ordinanze di custodia cautelare e a 20 perquisizoni domiciliari. Sei ordinanze sono state recapitate in carcere a persone già detenute tra cui Guglielmo Fidanzati,  noto pluripregiudicato e figlio di Gaetano, del mandamento mafioso di Resuttana (Pa),  arrestato il 5 febbraio 2010. Le altre sono state eseguite nelle province di Milano, Como, Pavia, Monza, Lodi, Imperia, Modena, Reggio Calabria, Messina, Palermo e Vercelli dopo indagini della Compagnia Duomo di Milano.

Nel corso di oltre tre anni di indagine, è stata individuata, analizzata e disarticolata un'organizzazione criminale di tipo para-militare, strutturata gerarchicamente, con compiti e competenze ben definite sia nelle fasi dell'importazione e distribuzione dello stupefacente, sia nella gestione finanziaria dei proventi, compresi quelli di svariate rapine in banche attribuite al gruppo.

Sette degli arrestati sono accusati di scippi e rapine commesse a Milano e nel Centro Italia, tre del possesso di alcuni chili di cocaina. Il sequestro del container risale al 22 febbraio 2010. In un'inchiesta precedente della Dda di Milano, che fece scalpore nell'agosto del 2011, si era scoperto che il clan controllava lo spaccio della polvere bianca in alcuni dei più noti locali della Movida milanese e che era socio occulto di svariate attività.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi operazione antidroga in Lombardia: arresti anche a Monza

MonzaToday è in caricamento