Seguono un'anziana fino a casa e poi la derubano: arrestate

I militari sono riusciti a bloccare a Cesano Maderno due ladre che erano riuscite a introdursi nell'appartamento di una pensionata in via Viganò rubandole 500 euro. La terza complice è riuscita a fuggire

Le due ladre arrestate

Devono averla notata mentre camminava in paese e scelta come vittima. Poi sono arrivate fino al condominio dove risiedeva e non le hanno lasciato tregua fin sulla porta di casa.

A Cesano Maderno, martedì mattina, intorno a mezzogiorno, tre ladre si sono introdotte nell'abitazione di una pensionata del paese in via Viganò, derubandola.

La vittima, C. E. 81 anni, non ha avuto il tempo di rendersi conto di quanto stava accadendo e le malviventi sono riuscite a porterle via 500 euro in contanti. La scena però non è sfuggita a un residente che ha notato le donne seguire l'anziana signora e ha dato l'allarme al 112.

I carabinieri dell'aliquota Radiomobile di Desio si sono precipitati sul posto e sono riusciti a intervenire e sorprendere le ladre in flagranza. Dopo la telefonata alle forze dell'ordine l'uomo che aveva allertato i carabinieri insieme ad altri condomini ha tentato di bloccare la fuga delle tre ladre che, accortesi di essere state scoperte, stavano tentando di allontanarsi.

Mentre i residenti provavano a trattenere le donne sono arrivati i carabinieri che sono riusciti ad arrestare due delle tre ladre, mentre la loro complice è riuscita a darsi ala fuga e far perdere le proprie tracce.

Le due malviventi sono finite in manette con l'accusa di furto in abitazione in concorso. Si tratta di due donne di 52 e 53 anni, originarie della Polonia, in Italia senza fissa dimora, entrambe pregiudicate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sede di giudizio per direttissima per T.F., 52enne, è stata disposta la misura cautelare in carcere a Monza mentre per la complice, L.E. 53enne, sono stati accordati gli arresti domiciliari in un campo nomadi a Novara. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento