Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Trent'anni fa Bugno conquistava il titolo mondiale: la Villa Reale si illumina con il tricolore

Mercoledì 25 agosto l'anniversario dell'impresa sportiva che portò Monza sul tetto del mondo

Era il 25 agosto 1991 quando Gianni Bugno tagliò il traguardo sul tracciato di Stoccarda, in Germania, conquistando il titolo di campione mondiale professionisti su strada di ciclismo.

La sua Monza trent’anni dopo gli rende omaggio: la sera di mercoledì 25 agosto la Villa Reale si illuminerà con il tricolore per ricordare quella storica impresa. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Pedale Monzese e dal suo presidente Federico Gerosa, prevede un momento di ritrovo davanti alla Villa Reale alle 21.30 dove gli sportivi e gli appassionati di ciclismo potranno incontrare il campione monzese e ricordare insieme il prestigioso risultato mondiale raggiunto nel 1991.

“Monza è la città di tutti gli sport - dichiara l'assessore allo Sport  Andrea Arbizzoni -. Per questo è doveroso riservare un omaggio significativo al grande campione del ciclismo mondiale, che ha conquistato il podio dopo una lotta al cardiopalma contro avversari del calibro di Rooks e Indurain: una vittoria indimenticabile che rimarrà per sempre negli annali sportivi della nostra città”.

Una carriera costellata da numerose vittorie quella del monzese Gianni Bugno, classe 1964, considerato uno degli ultimi ciclisti in grado di competere ai massimi livelli sia nelle classiche di un giorno sia nelle corse a tappe di più settimane. Gianni Bugno è stato campione del mondo su strada nel 1991 e nel 1992, nella sua carriera durata oltre un decennio ha inanellato 72 vittorie, ha vinto nove tappe al Giro d’Italia (nonché il successo finale nel 1990), quattro al Tour de France e due alla Vuelta a Espana. Ha vinto una Milano-Sanremo, un Giro delle Fiandre, una Milano-Torino e un Giro dell’Emilia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trent'anni fa Bugno conquistava il titolo mondiale: la Villa Reale si illumina con il tricolore

MonzaToday è in caricamento