menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Folle inseguimento: sperona i carabinieri con l'Alfa Mito, poi si schianta contro un albero

Protagonista del fatto un ragazzo di 21 anni, arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

Un inseguimento a folle velocità. Tutto sulle strade della Brianza. E proprio durante la sua rocambolesca fuga ha speronato le gazzelle dei carabinieri. Pensava di farla franca, ma si è schiantato contro un albero ed è stato arrestato. È successo nella serata di martedì 5 maggio tra Cogliate e Misinto, nei guai un cittadino marocchino di 21 anni, irregolare in Italia.

Il giovane, nonostante fosse privo di patente, si trovava alla guida di un’Alfa Romeo Mito in compagnia di un altro ragazzo, quando si è imbattuto nel posto di blocco dei carabinieri non ha esitato a forzarlo e darsi ad una spericolata fuga. È stato inseguito per circa cinque chilometri e affiancato  sulla Sp 152 all’altezza del comune di Lazzate, nel tentativo di far desistere i militari, il 21enna ha speronato la "gazzella". Il giovane, tuttavia, ha perso il controllo del mezzo e si è schiantato contro un albero a lato della strada. 

Non ha mollato: ha cercato di scappare a piedi, ma è stato inseguito e braccato a fatica dai militari che, nel frangente, hanno riportato delle lievi contusioni guaribili in alcuni giorni. Per lui sono scattate le manette con l'accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il passeggero, invece, è riuscito a farla franca. L'auto è risultata non assicurata e intestata ad un prestanome italiano. "Lo stesso veicolo, appena alcuni giorni prima, era già riuscito a fuggire ad un’altra pattuglia che lo aveva inseguito sempre tra Cogliate e Ceriano Laghetto", hanno precisato i carabinieri.

Nella giornata di mercoledì il 21enne è stato giudicato per direttissima dal tribunale di Monza, il giudice ha convalidato l'arresto e, in attesa della celebrazione del processo, ha disposto la sua liberazione. Il giovane, data la sua situazione di irregolarità in Italia, è stato accompagnato in questura per la procedura di espulsione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia sarà zona arancione da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento