Caimi-Taveggia, bagarre per una scheda

Taveggia è scosso dal ribaltone di Caimi e pensa ad una revocatoria entro 15 giorni

MEDA - Taveggia non ci sta ed è abbastanza scosso dal ribaltone di Caimi.  L’avvocato di Taveggia afferma che le motivazioni sulla sentenza siano discutibili con errore di fatto per una scheda  e che si pensa ad un revocatoria entro 15 giorni.
Potrebbe quindi avere un seguito la bagarre Caimi-Taveggia. Nel frattempo Caimi è stato rieletto per la seconda volta e la sua giunta tornerà a governare. Se Taveggia deciderà di continuare con l’azione legale deve chiedere di annullare la scheda contestata allo stesso giudice del Consiglio di Stato che ha emesso la sentenza finale e se il Giudice non cambierà opinione, Caimi resterà sindaco. In caso contrario invece andranno a pari.
La questione è delicata, quando Taveggia ha fatto ricorso per una scheda, Caimi ha fatto controricorso al Tar, ha perso e si è rivolto al Consiglio di Stato giocandosi tutte le carte, la giunta di Taveggia è quindi pronta a fare lo stesso, facendo revocatoria per quella scheda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento